Arcuri: a settembre valuteremo riallineamento prezzo mascherine

Red/Gtu

Roma, 12 giu. (askanews) - "La fissazione del prezzo calmierato delle mascherine chirurgiche era un atto dovuto verso i nostri concittadini che rischiavano di continuare ad essere oggetto di speculazioni vergognose. Credo che il mercato sia sempre sovrano tranne in un caso: quando attenta o peggio calpesta il diritto alla salute", l ha detto a Sky TG24 Economia il commissario straordinario per l'emergenza Covid-19 Domenico Arcuri. "Il valore del prezzo tutt'altro che troppo basso", ha aggiunto Arcuri, spiegando: "Una mascherina chirurgica costa a chi bravo tra i 12 e i 15 centesimi e a chi meno bravo 20 centesimi, quindi il prezzo di 50 centesimi garantisce ai bravi il 400% di profitto e ai meno bravi il 250%. Stiamo mettendo a regime una produzione nazionale che coster 12 centesimi, nel frattempo stiamo sostenendo le riconversioni delle imprese italiane. A settembre potremo avviare una discussione complessiva e capire se ci sono le condizioni perch questo prezzo possa subire un ulteriore riallineamento". (Segue)