Ardea, è morto il pedone investito dall'auto pirata

·1 minuto per la lettura
muore all'ospedale San Camillo dopo incidente Ardea
muore all'ospedale San Camillo dopo incidente Ardea

È morto questa mattina, nell’ospedale San Camillo di Roma, l’uomo investito ad Ardea nella tarda serata del 26 ottobre. I carabinieri sono sulle tracce del conducente dell’auto che subito dopo l‘incidente è fuggito senza prestare soccorso.

Ardea, morto dopo l’incidente 4 giorni fa

È morto questa mattina, nell’Ospedale San Camillo di Roma, Bejaoui Faycal, il cittadino tunisino di 58 anni – domiciliato ad Ardea (RM) – investito quattro giorni fa nello stesso comune della città metropolitana di Roma.

La dinamica dell’incidente ad Ardea

In base a quanto ricostruito dai carabinieri della Stazione Marina di Tor San Lorenzo, nella tarda serata del 26 ottobre l’uomo stava camminando da solo in direzione di Pomezia quando un veicolo che stava percorrendo la strada nello stesso senso di marcia, lo ha investito ed è fuggito via senza prestargli soccorso.

Ardea, le indagini dei carabinieri dopo l’incidente

Intanto sono ancora in corso le indagini da parte dei carabinieri di Anzio che, da quanto riportano i giornali locali, sono sulle tracce del conducente dell’auto pirata. Le indagini si basano sui frammenti del fanalino del mezzo che ha investito l’uomo poi deceduto in ospedale e dei video delle telecamere di sorveglianza presenti nella zona dell’incidente.

Il conducente ora dovrà difendersi dalle accuse di omissione di soccorso e omicidio stradale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli