Arezzo, corto circuito causa fiamme in un’azienda: dipendenti intossicati

·1 minuto per la lettura
Incendio in azienda specializzata in galvanica ad Arezzo
Incendio in azienda specializzata in galvanica ad Arezzo

Un vasto incendio è scoppiato durante la giornata di lunedì 25 ottobre 2021 in un’azienda orafa della zona industriale di Arezzo. All’interno della struttura vi sarebbero alcuni dipendenti rimasti intossicati. La notizia è stata riportata dall’agenzia stampa Ansa.

Incendio in un’azienda orafa ad Arezzo, cosa è accaduto

Le fiamme sono scoppiate nell’azienda, situata in via Arturo Chiari, specializzata in galvanica. Il bilancio degli intossicati sarebbe provvisorio. Hanno raggiunto il luogo dell’incendio i vigili del fuoco di Arezzo che hanno subito dato il via allo spegnimento delle fiamme. Presente anche il personale sanitario con diverse ambulanze. Nel frattempo la polizia locale ha interrotto la circolazione nella zona e chiesto agli abitanti della zona di tenere chiuse le finestre di casa.

Incendio in un’azienda orafa ad Arezzo, altri dettagli

Da diversi punti della città sono state avvistate le fiamme a causa dell’incendio avvenuto nell’azienda orafa specializzata in galvanica. I vigili del fuoco stanno lavorando senza sosta per evitare ulteriori danni alla struttura. Attualmente non si avrebbe l’esatta dinamica dell’incidente.

Incendio in un’azienda orafa ad Arezzo, dinamica ancora da chiarire

Le fiamme sono divampate nel capannone che ospita la Galvanica Formelli, con sede in via Achille Grandi, che si trova nella zona industriale di via Calamandrei. Nel frattempo i lavoratori della Formelli avrebbero lasciato la struttura per motivi di sicurezza. Secondo alcune fonti, citate dagli organi d’informazione locali, sembra che all’origine dell’incendio possa esserci il corto circuito di un quadro elettrico situato all’esterno. Ecco le immagini del rogo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli