Arezzo, sgominata la baby gang “famiglia Montana”: 6 arresti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 24 mag. (askanews) - Li accusano di rapine, aggressioni e minacce, commesse nell'Aretino tra il 2021 e il 2022 anche con armi improprie come coltelli, tirapugni o colli di bottiglia. Per questo 6 ragazzi sono stati arrestati e altri 3 sono collocati in comunità per minori: i destinatari delle misure cautelari disposte dal Tribunale per i minorenni di Firenze sono 9 giovanissimi di età compresa tra i 16 e i 17 anni, tutti residenti ad Arezzo. Secondo la ricostruzione della procura dei minori fiorentina, fanno tutti parte della babu gang conosciuta come "famiglia Montana", per il nickname "Montana" che alcuni dei componenti utilizzano nei social con chiaro riferimento al personaggio cinematografico Tony Montana del film Scarface.

La banda si sarebbe resa protagonista di diverse azioni violente avvenute sempre con lo stesso modus operandi: la vittima, spesso sola e minorenne, solitamente veniva avvicinata con un pretesto per poi ritrovarsi improvvisamente accerchiata dal branco che con violenza si impossessava di telefonini, cuffie o portafogli. Ciascun componente ricopriva un ruolo preciso: c'era chi attirava la vittima con un pretesto, chi materialmente l'aggrediva, mentre gli altri fungevano da "palo" per avvisare dell'eventuale arrivo delle forze di Polizia. Aggressioni commesse a volte per futili motivi, senza neppure la volontà di rubare qualcosa, ma con il solo obiettivo di dare sfogo alla violenza o semplicemente di affermare la supremazia territoriale della baby gang in alcune parti del centro storico cittadino e in particolare nella zona di Piazza Sant'Agostino. Alcuni pestaggi sono infatti scattati per uno sguardo "sbagliato" oppure perché il gruppo non "gradiva" la presenza di un ragazzo in Piazza Sant'Agostino, più volte citata nei post diffusi sui social come la loro "fottuta piazza".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli