Aria, la SPA lombarda al centro delle polemiche: di cosa si occupa?

·2 minuto per la lettura
aria cos'è
aria cos'è

Da giorni Aria, l’azienda regionale per l’innovazione e gli acquisti in capo a Regione Lombardia, è finita al centro delle polemiche per le problematiche riscontrate con nella gestione delle prenotazioni dei vaccini: cos’è e di cosa si occupa?

Cos’è Aria Lombardia

Aria nasce l’1 luglio 2019 per volere del governatore Attilio Fontana e dell’assessore al Bilancio Davide Carlo Caparini dalla fusione di tre grandi società a partecipazione regionale, vale a dire Lombardia Informatica, Infrastrutture lombarde e Arca Lombardia. Le funzioni della società sono quelle di occuparsi del governo della spesa pubblica e di affiancare l’amministrazione regionale nella trasformazione digitale della pubblica amministrazione.

Sul sito si legge che “è la prima società in-house a cui è affidata la missione di progettare e gestire infrastrutture fisiche e digitali e contemporaneamente il ciclo degli acquisti aggregati degli Enti della Pubblica Amministrazione regionale“. L’80% del proprio fatturato è effettuato nello svolgimento dei compiti ad essa affidati da Regione Lombardia, e la produzione ulteriore rispetto al suddetto limite è consentita solo se essa permetta di conseguire economie di scala o altri recuperi di efficienza sul complesso dell’attività principale della Società.

I disservizi degli ultimi giorni

Ad aver portato Aria al centro delle polemiche è stata la gestione informatica, rivelatasi fallimentare, delle prenotazioni per i vaccini contro il Covid. Tra sms mai partiti (con conseguenti hub vaccinali vuoti), indirizzi sbagliati e appuntamenti saltati, le critiche alla società sono arrivate da tutti i vertici regionali tra cui Fontana e Moratti.

Il primo ha provveduto a cambiarne i vertici e la seconda si è scagliata contro “l’inadeguatezza di Aria Lombardia incapace di gestire le prenotazioni in modo decente, cosa che rallenta lo sforzo comune per vaccinare“. Anche il coordinatore della campagna vaccinale lombarda Guido Bertolaso aveva definito una vergogna gli errori della società.