Arianna Nanni cerca di difendere il papà

·2 minuto per la lettura
Omicidio Ilenia Fabbri
Omicidio Ilenia Fabbri

Arianna Nanni, figlia di Ilenia Fabbri, uccisa in casa a Faenza all’alba del 6 febbraio, difende il padre nonostante un momento di dubbio iniziale. Aveva detto di non credere più a nessuno, ma riesce a credere neppure alla possibilità che suo padre sia il mandante di un omicidio.

Le parole della figlia di Ilenia Fabbri

Il problema è Pierluigi Barbieri” ha dichiarato Arianna, la figlia di Ilenia Fabbri. La ragazza, la mattina dell’omicidio, era in macchina con suo padre, diretti verso Milano per l’acquisto di un’auto. La sua compagna l’aveva chiamata, svelandole che in casa c’era qualcuno che aveva aggredito sua madre. A questo punto Claudio Nanni ha fatto inversione per tornare a Faenza, mostrandosi particolarmente spaventato durante tutto il viaggio. Nonostante questo, una volta arrivati ha deciso di mandare la figlia in casa per vedere cosa stava accadendo. Gli inquirenti lo hanno accusato di aver commissionato l’omicidio dell’ex moglie per futili motivi. Barbieri ha confessato tutto, mentre lui ha spiegato di aver assoldato l’uomo per spaventare la moglie e non per ucciderla. Claudio Nanni ha scritto una lettera alla figlia Arianna, confermando la versione data agli inquirenti. “Mi ha scritto una lettera in cui mi spiega che mi vuole bene. Non voleva ucciderla, lui me l’ha detto. Ha sbagliato a fare questa cosa ma il problema non è mio padre, il vero problema è Barbieri Pierluigi” ha spiegato la ragazza.

Arianna Nanni non ha ancora avuto modo di confrontarsi direttamente con suo padre, considerato il mandante dell’omicidio. Non ha avuto neppure un confronto con Barbieri, che non conosce come non lo conosceva la madre Ilenia Fabbri. L’uomo frequentava Claudio Nanni. I due si scambiavano messaggi e si incontravano all’aperto. Ci sono immagini che li ritraggono insieme davanti ad un distributore di benzina e in un bar fuori mano. Sembravano avere un progetto in comune da diverso tempo. Secondo quanto svelato da Barbieri era proprio l’aggressione ad Ilenia, quella che l’ha portata alla morte all’alba del 6 febbraio. L’uomo ha spiegato di averlo fatto in cambio di 20.000 euro e un’automobile. Il movente era economico, visto che la donna aveva una causa in corso contro l’ex marito per lavoro.