Arianspace lancerà i nuovi satelliti per il sistema Galileo

·1 minuto per la lettura

AGI - L'Agenzia dell'Unione Europea per il Programma Spaziale (EUSPA) ha scelto Arianespace per lanciare quattro nuovi satelliti Galileo per il sistema di navigazione satellitare europeo. 

Con questo ordine, l'EUSPA rileva il ruolo di assegnatario dei contratti di servizi di lancio per Galileo dall'ESA, che ha agito finora in nome e per conto della Commissione Europea e continuerà a essere l'autorità tecnica per questi lanci. 

Questo ordine segue quello dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) per il lancio di quattro satelliti nell'ottobre 2021, e completerà lo spiegamento dei satelliti Galileo di prima generazione. I lanci avverranno dal Centro Spaziale della Guyana (CSG), lo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese.

Dopo un primo lancio per Galileo, che porterà i satelliti di un ordine precedente, nella prima metà del 2022, un secondo lancio Soyuz nel 2022 farà orbitare i primi due satelliti di quest'ultimo ordine.

Le prossime tre missioni metteranno in orbita due satelliti ciascuna su Ariane 62, nel 2023, 2024 e 2025. “Vorrei ringraziare l'ESA e l'EUSPA, insieme alla Commissione europea per continuare ad affidarci i loro satelliti“, ha detto Stéphane Israel, CEO di Arianespace.

“Siamo molto orgogliosi di aiutare ancora una volta l'UE a realizzare il suo sistema globale di navigazione satellitare. Questo ordine aggiuntivo al servizio di Galileo conferma ancora una volta la missione assegnata ad Arianespace di assicurare all'Europa un accesso affidabile allo spazio“. 

Ognuno degli otto satelliti di questo ordine, costruito da OHB System AG a Brema, Germania, peserà meno di 730 kg. Si uniranno ai 28 satelliti Galileo già dispiegati fino a oggi, così come i due che saranno messi in orbita all'inizio del 2022 dal Centro Spaziale della Guyana da Arianespace. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli