Arisa a Diaco: "Ho pensato di sottrarmi alla vita"

·1 minuto per la lettura

(Adnkronos) - "Ho pensato di sottrarmi alla vita". Sono dichiarazioni molto forti quelle rilasciate da Arisa a Pierluigi Diaco, nell'intervista che va in onda questa sera alle 23.20 su Rai2, all’interno del programma “Ti sento”. Rispondendo a Diaco la cantante ha confessato infatti di aver pensato anche al suicidio, ma poi ha prevalso la fede e la voglia di vivere.

Alla domanda di Diaco 'Hai mai pensato di sottrarti alla vita?', la cantante risponde: "Sì ho pensato di sottrarmi alla vita, io penso che un po’ tutti lo pensiamo però poi io sono una ragazza di fede. Quindi sono una ragazza di fede anche per questo, perché poi c’era un periodo nella mia vita dove vedevo sempre che dopodomani c’era un buco nero, che non sapevo cosa mi sarebbe successo, che mi sentivo sola e abbandonata, che nessuno mi amava, bruttissimo. E poi piano piano dai valore alle tue priorità e dici ‘okay, la vita mi ha dato cose belle mi può dare anche cose brutte, devo resistere’".

Parlando poi di vita dopo la morte, la cantante dichiara di credere nella possibilità di una seconda vita e di voler rinascere come ermafrodita. "Battiato - afferma Arisa - mi diceva sempre che quando noi uccidiamo il nostro corpo in realtà anche la nostra anima va via e non si unisce con le altre particelle per creare nuova vita, la reincarnazione e tutte queste cose. E io invece spero di vivere per sempre e quindi che la mia anima possa un giorno ricongiungersi ad altre particelle e possa dare vita a un essere umano migliore… magari un’ermafrodita".

"Perché?", chiede Diaco. "Perché così sei tutto", risponde Arisa. "Fisicamente mi piacerebbe essere un’ermafrodita", aggiunge. "Una cosa è di testa e una cosa è fisicamente", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli