Armenia, commemorate le vittime della guerra con l'Azerbaigian

·1 minuto per la lettura

Circa 3.000 persone in Armenia hanno marciato nella capitale Yerevan per commemorare le vittime della guerra contro l'Azerbaigian nella contesa regione del Nagorno-Karabakh, un anno fa.

Guidati dall'ex presidente Robert Kocharyan, i partiti di opposizione hanno organizzato la marcia, partita dal centro della città e poi diretta verso il cimitero militare di Yerablur.

Il 27 settembre del 2020 è la data incriminata in cui scoppiò la guerra caucasica tra dirimpettai per il controllo dell'enclave separatista del Karabakh, popolata da armeni, causando circa 6.500 vittime.

Le ostilità si sono concluse a novembre con un 'cessate-il-fuoco' mediato dalla Russia che ha visto l'Armenia cedere a Baku porzioni di territori che aveva controllato per decenni.

L'accordo di pace è stato visto in Armenia come un'umiliazione nazionale e ha suscitato lunghe proteste di piazza contro il governo del primo ministro Nikol Pashinyan.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli