Armi in Usa, primo sì del Senato ad accordo bipartisan per leggi più severe

(Adnkronos) - Ha superato il voto procedurale l'accordo bipartisan per leggi più severe sul controllo delle armi e finanziamenti per misure preventive contro nuove sparatorie negli Usa. Con 64 voti favorevoli, tra i quali quindi quelli di 14 repubblicani, e 34 voti contrari, si è raggiunta la maggioranza qualificata dei due terzi necessari a far procedere il pacchetto verso l'approvazione finale, prevista entro la fine della settimana.

Il voto è avvenuto nella notte poche ore dopo che è stato raggiunto dal gruppo di 20 senatori, 10 per ogni partito, il testo finale del pacchetto di misure e di 15 miliardi di fondi federali per programmi per la salute mentale e la sicurezza nelle scuole. Il pacchetto non contiene le misure più drastiche, invocate da Joe Biden e dai democratici, come il divieto delle armi d'assalto o dei caricatori ad alta capacità ma in ogni caso il Bipartisan Safer Communities Act costituisce la più ampia misura di controllo delle armi varata dagli anni '90.

"Questa è una svolta e, cosa più importante, è una svolta bipartisan: questa legge potrà sembrare troppo modesta a qualcuno, troppo avanzata ad altri, ma questa legge salverà vite", ha detto Chris Murphy, il democratico che, insieme al repubblicano John Cornyn, ha guidato il gruppo bipartisan che ha raggiunto l'accordo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli