Arpa Lombardia: aprile fresco e con precipitazioni ancora scarse

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 9 mag. (askanews) - Le rilevazioni della rete di stazioni meteorologiche di Arpa Lombardia attestano un mese di aprile con temperature complessivamente vicine alla media trentennale 1991-2020, ma anche con delle differenze nell'ambito del territorio regionale, che riguardano pianura e Alpi.

Lo ha riferito in una nota la stessa Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente, spiegando che riguardo alla pianura, a Milano si è registrata una media delle temperature minime di -0.5 gradi rispetto il periodo 1991-2020, mentre la media delle massime si attesta appena a -0.1 gradi. Via via che ci si sposta più verso est l'anomalia diventa più importante, come ad esempio a Mantova, dove la differenza del valore medio delle minime rispetto al clima si attesta a -0.8 gradi, quello delle massime è di -0.7 gradi. La situazione cambia sulle Alpi, dove il mese di aprile è risultato complessivamente, seppur di poco, più mite rispetto alla norma, specie in riferimento alle temperature massime: Sondrio, per esempio, ha registrato una media delle temperature massime di +19.2 gradi un valore di +0.4 gradi sul valore di riferimento. Stessa anomalia di temperatura massima anche per Edolo (BS), posta a 600 metri s.l.m.

Scarse le precipitazioni, seppur con una situazione in leggero miglioramento rispetto ai mesi precedenti: ad aprile a Milano sono caduti 23 mm di pioggia, un valore abbondantemente sotto la media che si attesta a 86 mm. Dallo scorso dicembre, le precipitazioni cumulate mensili a Milano (ma non solo) sono risultate costantemente sotto le medie del periodo di riferimento. Un parziale sollievo per le Alpi, e quindi anche per i grandi laghi, è arrivato il giorno 23 per una perturbazione dalla Spagna, con piogge anche superiori a 30-50 mm su Alpi e Prealpi occidentali e neve abbondante oltre i 1900 metri di quota. Nel totale del mese la stazione di Colico (LC) è tra quelle che si avvicina di più alla media mensile: 58 mm registrati contro 94 mm.

I dati sul riempimento dei laghi mostrano al 1 maggio un +10% rispetto alla settimana precedente (situazione al 24 aprile), seppur il confronto con la media 2006-2020 in questo periodo rimanga pesantemente negativo (-43.1%). Riguardo più in generale lo stato delle riserve idriche, il dato peggiore rimane quello del manto nevoso (Snow water equivalent - Swe), che alla stessa data registra -63.7% rispetto la media. Complessivamente, il totale della riserva idrica (laghi + invasi + SWE) si attesta al 55% sotto la media del periodo di riferimento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli