Arredo e sostenibilità, la campagna PEFC parla alla Design week

featured 1617897
featured 1617897

Milano, 10 giu. (askanews) – Una campagna internazionale per sensibilizzare sul tema dell’approvvigionamento sostenibile dei materiali, anche nell’ambito del settore dell’arredo. A Milano, nell’ambito del Fuorisalone 2022, nello spazio Listone Giordano Arena, l’associazione PEFC Italia, che promuove la certificazione della filiera del legno, ha lanciato al mondo del design la propria call to action.

“Per PEFC Italia – ha detto ad askanews Francesca Dini, responsabile Promozione di PEFC Italia – è molto importante essere quest’anno al Fuorisalone, perché è il Salone della ripartenza, della sostenibilità Quindi noi lo abbiamo scelto come luogo per lanciare questa nuova campagna internazionale, ‘Forests Are Home’, per sensibilizzare sia i consumatori sia i produttori sull’uso di materiale certificato per la produzione di mobili e arredo”.

Nonostante le caratteristiche intrinseche di sostenibilità del legno, una parte di quello utilizzato nel mondo proviene anche dalla distruzione o dal degrado delle foreste, che causano il 12% delle emissioni a livello mondiale. Per questo è necessario agire su più piani, anche al livello dei progettisti e dei produttori.

“L’utilizzo di un legno certificato, in questo caso PEFC – ha aggiunto l’architetto e designer Giorgio Caporaso, che sostiene la campagna – è fondamentale anche perché in un approccio di progetto dove anche le filiere devono concorrere, perché nei progetti circolari si cerca un approccio sistemico e complesso, è estremamente importante che il legno provenga da un controllo e con una certificazione delle foreste. Anche perché così salvaguardiamo una fonte inesauribile di materia prima, che è una cosa importantissima”.

Altro aspetto collegato alla sostenibilità, oltre a quello della naturale neutralità carbonica di un materiale come il legno, è quello della sua lavorazione, che può essere effettuata senza utilizzare macchinari energivori. Tanti tasselli, insomma, di una visione che si va a mano a mano componendo, ma che deve ancora fare passi avanti nel veicolare il proprio messaggio di difesa e tutela delle foreste.

“Siamo ancora all’inizio purtroppo – ha concluso Francesca Dini – lo abbiamo fatto capire ai primi anelli della filiera: le segherie, i boscaioli, però gli ultimi anelli, quelli più puntati verso il design e verso altri aspetti devono ancora essere sensibilizzati, però lo stiamo facendo e speriamo di riuscirci in tempi non troppo lunghi”.

Partire da un evento come il Fuorisalone e dalla platea della settimana del Design può rappresentare un passo significativo in questo senso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli