Arrestati capi ultrà della Juve, ricattavano il club-VIDEO

Cuc

Roma, 16 set. (askanews) - Blitz nel cuore della curva della Juventus. È iniziata alle prime ore della mattina una vasta operazione della Polizia di Stato di Torino nei confronti delle frange ultrà della Juventus.

Nell'ambito dell'operazione "Last Banner", la Digos di Torino ha eseguito 12 misure cautelari nei confronti dei capi e dei principali referenti dei "Drughi", di "Tradizione-Antichi Valori", dei "Viking", del "Nucleo 1985" e di "Quelli à di via Filadelfia", indagati a vario titolo per associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata.

Trentanove le perquisizioni nei riguardi di 37 fra i principali referenti dei gruppi ultrà citati, e del "N.A.B. - Nucleo Armato Bianconero", anche loro indagati.

L'indagine è partita un anno fa dopo che la Juvenuts aveva denunciato tentativi di estorsioni da parte leader dei principali gruppi ultrà bianconeri, in seguito allo stop - alla fine del campionato 2017/18, di alcuni privilegi concessi dalla società calcistica ai gruppi ultrà.

È stata infatti accertata la capillare attività dei "Drughi" per recuperare centinaia dibiglietti di accesso allo stadio per le partite casalinghe dellaJuventus, avvalendosi di biglietterie compiacenti sparse su tutto il territorio nazionale.