Arrestato 22enne a Savona per propaganda suprematista

Lorenzo Santucci
·1 minuto per la lettura
Polizia di Stato arresta 22enne accusato di associazione con finalità di terrorismo e propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale aggravata dal negazionismo (Photo: ANSA)
Polizia di Stato arresta 22enne accusato di associazione con finalità di terrorismo e propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale aggravata dal negazionismo (Photo: ANSA)

La polizia ha arrestato questa mattina a Savona un 22enne nell’ambito di un’operazione antiterrorismo in ambienti della destra radicale contigui al terrorismo di matrice suprematista. Al giovane è stato imputato il reato di aver costituito un’associazione, denominata “Nuovo ordine sociale” volta all’arruolamento e alla pianificazione di atti estremi e violenti a scopo eversivo, e di aver svolto propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale aggravata dal negazionismo.

VIDEO - Savona, arrestato giovane suprematista. Voleva compiere una strage di femministe

Il giovane savonese si ispirava al gruppo suprematista statunitense AtomWaffen Division e alle Waffen-SS naziste. Aveva inoltre creato delle chat dove istigava alla violenza contro gli ebrei e, sempre sul web, aveva diffuso materiale di stampo neonazista e antisemita attraverso cui incitava all’azione violenta contro “lo Stato occupato dai sionisti”. Da quanto emerge, sembra che il 22enne fosse pronto a compiere un attacco: tra gli obiettivi, da lui stesso elencati, c’era il compimento di azioni terroristiche di matrice suprematista come quelle realizzate nel 2011a Utoya, in Norvegia, e nel 2019 a Christchurch, in Nuova Zelanda. Gli investigatori hanno ritrovato nelle conversazioni istigazioni a commettere quello che viene denominato “school shooting”, gli attentati nelle scuole, o il “day of the rope”, il massacro di chi viene considerato un traditore. Il ragazzo si è anche definito appartenente alla corrente ‘Incel’, manifestando profondo astio nei confronti del genere femminile.

Sempre nell’ambito della stessa indagine sono state effettuate altre dodici perquisizioni nei confronti di persone vicine al 22enne nelle città di Genova, Torino, Cagliari, Forlì-Cesena, Palermo, Perugia, Bologna e Cuneo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.