Arrestato assistente parlamentare, organico a famiglia... -2-

Red/rus

Roma, 4 nov. (askanews) - Gli approfondimenti investigativi effettuati nei confronti di Nicosia, spiegano gli investigatori, hanno consentito di documentare "il pieno inserimento di Nicosia nel contesto mafioso saccense, emerso con evidenza anche dalle conversazioni intercorse tra l'indagato e l'uomo d'onore Accursio Dimino".

Nel febbraio scorso ci sarebbe stata una riunione riservata a Porto Empedocle tra Nicosia e due pregiudicati per partecipazione ad associazione mafiosa di cui uno fidato sodale del latitante Messina Denaro. All'uomo viene contestato anche "l'uso strumentale del rapporto di collaborazione instaurato con una Parlamentare della Repubblica Italiana, rapporto questo utilizzato per un periodo dall'indagato per accedere all'interno di diverse carceri del territorio nazionale ed avere contatti anche con altri esponenti reclusi di cosa nostra". (segue)