Arrestato Falkenberg: ex nazista torturatore di Pinochet in fuga tra i pensionati a Forte dei Marmi

·2 minuto per la lettura
- (Photo: hp - getty)
- (Photo: hp - getty)

Si confondeva tra una comitiva di anziani turisti tedeschi quando gli agenti del commissariato di Forte dei Marmi lo hanno fermato dopo 16 anni di latitanza. Su di lui, il 76enne Reinhard Doring Falkenberg, pendeva l’accusa di essere stato il carceriere e torturatore di oppositori del regime di Pinochet. A riportare la notizia è Repubblica.

A quanto si evince, negli anni Settanta, Falkenberg fu uno dei capi della “Colonia Dignidad”, enclave di nazisti fuggiti dalla Germania e rifugiatasi in Cile. La Colonia che durante il regime di Pinochet si trasformò in un centro di detenzione per gli oppositori cileni che venivano arrestati e poi fatti sparire. Repubblica scrive:

Un luogo divenuto tristemente famoso per le sevizie e gli abusi sessuali sui minori che si consumavano al suo interno, poi utilizzato dalla Dina (la polizia di Pinochet) come centro di detenzione e tortura per gli oppositori. Doring, secondo le accuse (mosse anche dall’Ecchr - Centro europeo per i diritti umani e costituzionali), era uno dei capi della Colonia. E nel 1976 avrebbe avuto un ruolo di primo piano nella detenzione e nella tortura di almeno tre oppositori di Pinochet: Juan Maino, Antonio Elizondo e la moglie Elizabeth Rekas, professori universitari ed esponenti politici della sinistra.

L’uomo fermato a Forte dei Marmi era fuggito dal Cile nel 2005 proprio per sottrarsi al processo sugli orrori della “Colonia Dignidad”, fondata nel 1961 da un ex infermiere della Wehrmacht, Paul Schaefer insieme ad altri ex gerarchi nazisti scappati in Sudamerica. Probabilmente Falkenberg era convinto di essere sfuggito per sempre alla giustizia, tanto è vero che viaggiava col suo documento di identità e lo aveva consegnato senza problemi all’hotel italiano. L’allarme è partito quando al commissariato di polizia di Forte dei Marmi hanno inserito nel terminale le schede degli alloggiati presso le strutture di accoglienza turistica e hanno scoperto che il 76enne risultava ricercato in Cile.

Il caso Falkenberg passerà ora alla Corte d’Appello di Firenze che dovrà decidere sull’estradizione richiesta dal Cile. Il ministro della Giustizia Marta Cartabia ha chiesto ai giudici di Firenze di mantenere la custodia cautelare su Doring Falkenberg.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli