Arrestato figlio del Chapo, in Messico assalto armato ai soldati

Bar

Roma, 18 ott. (askanews) - Ovidio Guzmán López è stato arrestato a Culiacán, Sinaloa, con l'accusa di traffico di droga. Lo hanno riferito fonti dell'esercito messicano, riportate dal quotidiano El Norte. Guzmán López è figlio del narcotrafficante messicano Joaquín "El Chapo" Guzmán, boss del cartello di Sinaloa, che attualmente sta scontando una condanna all'ergastolo negli Stati Uniti.

La cattura di Guzmán López ha scatenato una serie di sparatorie e blocchi che hanno paralizzato la città. Il governo dello stato federale di Sinaloa ha invitato i cittadini a non uscire dalle loro case e a mantenere la calma. Video e fotografie pubblicate da diverse testate messicane, mostrano civili mascherati a bordo di camionette e Suv, armati anche di mitragliatrici pesanti. Detonazioni di armi di grosso calibro sono state udite in città, il bersaglio sono soldati e forze di polizia presenti sul territorio. Barricate sono state erette in diversi punti di Culiacán. Migliaia di persone rimangono in case, negozi e uffici nel timore di essere colpiti nel fuoco incrociato fra gli uomini armati legati all'arrestato e le forze dell'ordine. Il servizio di trasporto pubblico è stato sospeso in tutta la città.