Arrestato fratello della vedova Schifani: accusa è di associazione mafiosa

Arrestato fratello vedova Schifani

Il fratello della vedova di Vito Schifani, Giuseppe Costa, è stato arrestato dalla Dia di Palermo per associazione mafiosa. Secondo l’accusa avrebbe avuto rapporti con la famiglia dei Vergine Maria e altri esponenti mafiosi “nell’interesse primario dell’organizzazione mafiosa“.

Arrestato fratello della vedova Schifani

Il gip del Tribunale che ha firmato la misura cautelare sostiene che Costa avrebbe anche organizzato e coordinato attività estorsive, nonché atti ritorsivi nei confronti di imprenditori e commercianti della zona. La terza accusa invece riguarda invece l’aver provveduto al mantenimento degli affiliati detenuti e alla corresponsione pro quota dei proventi dell’associazione mafiosa.

Il giudice ha sostenuto che i segnali che confermerebbero la gravità indiziaria a carico del fratello di Rosaria Costa sarebbero plurimi. Gli inquirenti lo hanno infatti descritto come pienamente inserito nelle dinamiche mafiose della famiglia dei Vergine Maria. Alla scarcerazione del boss della zona, Gaetano Scotto, pare che avrebbe invitato le sue vittime a dare il denaro direttamente a lui. Insieme a Giuseppe il gip ha disposto l’arresto per altre sette persone. Tra queste anche lo stesso Scotto, il boss mafioso che era stato ingiustamente accusato della strage di via D’Amelio.

Da molti anni con la sorella non vi era ormai nessun rapporto. Anzi sembra proprio che Giuseppe si fosse allontanato da lei e che il gesto fosse stato apprezzato da Cosa nostra, stando a quanto emerge dalle intercettazioni. La donna era la moglie Vito Schifani, uno degli agenti della scorta di Giovanni Falcone. Come lui, morì nella strage di Capaci.