Arrestato latitante ad Alessandria: la Polizia lo salva dal maltempo

Latitante arrestato Alessandria

Un latitante evaso dal carcere da più di un anno è stato arrestato dalla Polizia mentre si trovava nascosto in un casolare in provincia di Alessandria. Ciò ha permesso all’uomo di salvarsi dal maltempo, dato che dopo poco le acque del fiume in piena hanno invaso il suo alloggio.

Arrestato latitante ad Alessandria

Arcangelo Seminatore, 55 anni, era evaso dalla colonia penale di Isili, in provincia di Nuoro, dove era rinchiuso. Aveva infatti colto l’occasione di un permesso premio per fuggire e far disperdere le sue tracce, rintanandosi in un casolare isolato e all’apparenza abbandonato a Cabanette. Si tratta di un pluripregiudicato con una serie di reati alle spalle contro il patrimonio ma anche legati ad armi e droga. Aveva dei precedenti anche nell’alessandrino, dove si era rifugiato in quanto lì vivevano dei suoi parenti.

Gli agenti della Squadra Mobile di Alessandria sono riusciti a risalire a lui grazie ad alcune intercettazioni. Hanno circondato il luogo in cui si nascondeva e l’hanno sorpreso nel sonno. L’uomo è stato trovato in possesso di un fucile Gaucher calibro 9, detenuto illegalmente, ed è stato ammanettato. Tutto questo prima che l’acqua, che aveva già invaso i campi limitrofi, travolgesse il casolare come è poi effettivamente accaduto.

L’arresto ha infatti avuto luogo in concomitanza con l’esondazione del fiume Bormida verificatasi nel fine settimana comprendente sabato 23 e domenica 24 novembre 2019. La cattura gli ha quindi permesso di salvarsi e di non essere travolto dai flutti. Queste le parole di Arcangelo subito dopo: “Se il mio cane non avesse abbaiato non mi avreste trovato“.