Arrestato un furbetto del cartellino in Calabria. Doveva essere a scuola, ma gestiva una piscina

La Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha arrestato, in flagranza di reato, un dipendente pubblico che, approfittando del fatto che prestava servizio in una sede periferica, si assentava abitualmente e arbitrariamente dal posto di lavoro. Le Fiamme Gialle hanno scoperto come un impiegato di un istituto scolastico di Villa San Giovanni si allontanasse durante l'orario di servizio, recandosi, con cadenza quotidiana, per andare presso una piscina privata a gestione familiare grazie all'improprio utilizzo del badge che faceva risultare la presenza sul luogo di lavoro. Ora deve rispondere di false attestazioni o certificazioni e di truffa aggravata ai danni dello Stato. In qualche caso, la sua assenza e' stata giustificata da autocertificazioni e certificazioni mediche risultate false, redatte utilizzando indebitamente l'intestazione e le sottoscrizioni di una clinica cittadina.