Arrestato videogamer dell’Ohio colpevole di swatting

casey viner

Casey S. Viner, un videogame dell’Ohio, è stato condannato a 15 mesi di carcere. L’uomo ha avuto un ruolo in una telefonata ingannevole che ha portato la polizia a uccidere un uomo di nome Andrew Finch in Kansas. Secondo quanto ha riferito la Cnn, la telefonata è nata in seguito a una discussione sul videogioco “Call of Duty: WWII”.

Il caso di swatting

Casey S. Viner, 19 anni, era uno dei tre imputati in un caso di “swatting“. Ha fatto un falso rapporto per inviare la polizia nell’indirizzo dove avrebbe dovuto abitare il giocatore del suo videogame. In realtà era la casa di Andrew Finch, ignaro di ciò che stava accadendo. La sera del 28 dicembre 2017 era stato riferito alla polizia nella contea di Sedgwick del Kansas di una sparatoria e di una possibile situazione di ostaggio presso l’indirizzo di Finch. Ciò li ha portati a sparare erroneamente e uccidere il 28enne. Le autorità hanno affermato che Viner ha chiesto a uno dei co-imputati di effettuare la chiamata a causa di una discussione sul videogioco, “Call of Duty: WWII”.

La condanna di Viner

Viner, originario di un sobborgo di Cincinnati in Ohio, è stato condannato a 15 mesi di carcere dal tribunale federale di Wichita dopo essersi dichiarato colpevole di cospirazione e di aver ostacolato la giustizia.“Lo swatting non è uno scherzo, e non è un modo per risolvere le controversie tra i giocatori”: lo ha affermato il procuratore Stephen Stephen McAllister. “Ancora una volta, chiedo ai giocatori di auto-polizia la loro comunità per garantire che la pratica dello swatting sia terminata una volta per tutte”. L’uomo che ha fatto la chiamata, Tyler Raj Barriss della California, è stato condannato all’inizio di quest’anno a 20 anni di prigione federale.