Arriva la denuncia dei sindacati

·1 minuto per la lettura
Accessorize
Accessorize

Accessorize, catena inglese di bigiotteria e accessori, chiude tutti i negozi in Italia. Ci sono 70 lavoratori a rischio. I sindacati hanno sporto denuncia ed è previsto uno sciopero fino al 13 giugno, con la richiesta di una convocazione al Ministero dello Sviluppo economico.

Accessorize chiude i negozi: futuro a rischio per 70 lavoratori

I lavoratori dei negozi Accesorize, catena inglese specializzata in bigiotteria e accessori, rischiano di perdere il loro lavoro. Negli scorsi mesi, tramite la società Melite Italia Srl, che gestisce i punti vendita, è stato presentato al Tribunale di Milano un piano di Concordato preventivo che prevedeva la chiusura di tutti i 25 negozi in Italia e il conseguente licenziamento di tutti i dipendenti. “A fine 2020 Melite Italia, la società che gestiva i 25 punti vendita nazionali, si era rivolta al tribunale fallimentare per avviare le procedure di concordato preventivo, ovvero per cessare l’attività nel nostro Paese entro due anni. Da allora ci siamo mobilitati, abbiamo avviato delle trattative per trovare soluzioni per l’intero personale, ma ieri sera si è bloccato tutto” ha raccontato Massimiliano Genova, operatore della Fisascat Cisl di Milano in una nota.

Accessorize chiude i negozi: sciopero fino al 13 giugno

Al momento 72 addetti alle vendite, di cui la maggior parte sono donne, si trovano in cassa integrazione. Fino a domenica 13 giugno ci sarà uno sciopero, dopo la denuncia dei sindacati. Il marchio continuerà a vendere i suoi prodotti tramite l’e-commerce e piccoli sub-franchising, ma tutti i negozi sono destinati alla chiusura, esattamente come è accaduto ai Disney Store. “In queste settimane è emerso il nome di un possibile compratore che però vorrebbe acquisire solo parte dei punti vendita e, quindi, non assorbirebbe tutto il personale. Secondo le nostre stime resterebbero senza lavoro e senza prospettive circa 35 lavoratrici, di cui Melite Italia non intende farsi carico, né per una ricollocazione e neppure con un eventuale incentivo all’esodo. Le trattative si sono interrotte su questo punto” ha dichiarato Massimiliano Genova.

Accessorize chiude i negozi: i sindacati

Nelle scorse settimane i sindacati hanno sottolineato la mancata informazione sulla richiesta di concordato preventico e la scarsa chiarezza sulle reali intenzioni del marchio, che in Italia si trova in crisi da circa tre anni. Hanno chiesto una convocazione al Ministero dello Sviluppo economico. Venerdì 11 giugno, dalle 16 alle 18, si terrà un presidio in corso Vittorio Emanuele a Milano, vicino ad uno dei negozi che non è stato rilevato per il cambio di proprietà.