Arriva la quinta stagione di Peaky Blinders. Non sarà l'ultima

gabriele fazio

Il 17 luglio, a Birmingham, è stata presentata in anteprima mondiale la quinta stagione di Peaky Blinders, ora il trailer ha raggiunto anche l'Italia diventando immediatamente virale. Questo perché la serie della BBC, trasmessa nel nostro paese su Netflix è considerata all'unanimità da pubblico e critica tra le più interessanti proposte dalla piattaforma.

L'uscita del trailer fa presupporre una messa in onda autunnale: verranno riprese le fila della trama, giunta ai giorni successivi della crisi statunitense del 1929, quindi dieci anni dopo la prima puntata che racconta perfettamente le difficoltà economiche del dopoguerra, concentrandosi sulla storia della famiglia del boss Thomas Shelby e della gang dei “Peaky Blinders” (per via di una lametta cucita nel risvolto delle coppole), che gang comanda sul quartiere di Small Heath a Birmingham.


Una epopea, quella degli Shelby, che non può non ricordare quella italo americana dei Corleone de' “Il Padrino”. Visivamente invece il primo riferimento cinematografico eccellente è quello dello Scorsese di “Quei bravi ragazzi” e “Casinò”, storie che umanizzano e romanzano senza però cadere nel tranello di assottigliarne l'efferatezza, del mondo della criminalità organizzata.

Come scrive Ciak “I Peaky Blinders furono davvero una gang criminale attiva nei quartieri poveri di Birmingham a partire dal 1890, che si distingueva per un abbigliamento - coppole, fazzoletto al collo e pantaloni a zampa di elefante - e per l'uso ricorrente di forchette, coltelli e attizzatoi per uccidere. Erano soprattutto adolescenti ribelli, probabilmente meno organizzati della banda descritta da Steven Knight”.

Novità di questa stagione la partecipazione alla colonna sonora di Anna Calvi, una delle nuove regine del pop britannico, che ha annunciato la sua collaborazione con orgoglio tramite social. La produzione in occasione della presentazione del nuovo capitolo della saga ha annunciato l'intenzione di prolungare la storia fino alla settima stagione, che sarà certamente l'ultima.