Arriva l'uragano Fiona: Repubblica Dominicana pronta a inondazioni catastrofiche

CAPESTERRE-BELLE-EAU, FRANCE

AGI - La Repubblica Dominicana si sta preparando al passaggio nelle prossime ore dell'uragano Fiona. Per evitare rischi, l'Esecutivo dominicano ha dichiarato che questo lunedì non si lavora e ha anche annunciato la sospensione di due giorni - oggi e domani - delle lezioni in tutte le università e gli istituti scolastici.

Inoltre, il Centro operativo per le emergenze (COE) ha dato istruzioni alle agenzie di protezione civile di effettuare evacuazioni "obbligatorie" nei distretti inclusi nelle allerte rosse e gialle e ha chiesto alla popolazione di accettare questi sgomberi "senza alcuna remora".

La magistratura ha inoltre annunciato la sospensione del lavoro oggi in tutti i tribunali e le aree amministrative del Paese, mentre la Procura Generale non sarà operativa nelle sezioni dei servizi non essenziali.

Nel suo ultimo bollettino, l'Ufficio meteorologico nazionale dominicano (Onamet) indica che, secondo le proiezioni, Fiona si avvicinerà a Capo Engano, all'estremo est del Paese. Attualmente si trova a circa 125 chilometri a est/sud-est di Punta Cana e si sta muovendo verso nord-ovest a circa 15 chilometri all'ora. L'occhio dell'uragano Fiona, di categoria 1 su 5 della scala Saffir-Simpson, ha toccato terra ieri nel sud-ovest di Porto Rico con venti massimi sostenuti di 140 chilometri orari (85 miglia) come dichiarato dal Centro nazionale uragani (NHC) statunitense.

Fiona, che minaccia piogge torrenziali, inondazioni, smottamenti, mareggiate e correnti anomale, ha "venti molto pericolosi" che dovrebbero colpire la Repubblica Dominicana tra poche ore, secondo l'NHC.

L'uragano ha già provocato un blackout a Porto Rico, scaricando piogge torrenziali e causando danni "considerevoli" sull'isola statunitense prima di dirigersi verso la Repubblica Dominicana. Ha causato frane, abbattuto alberi e linee elettriche, reso impraticabili le strade e fatto crollare un ponte nella città di Utuado, nella regione montuosa centrale dell'isola, ha dichiarato il governatore Pedro Pierluisi in una conferenza stampa. "Le quantità di pioggia produrranno catastrofiche inondazioni improvvise e inondazioni urbane a Porto Rico e in alcune parti della Repubblica Dominicana orientale, oltre a smottamenti e frane nelle aree con terreno alto", sono le drammatiche previsioni del National Hurricane Center (NHC).

Sempre secondo l'NHC, Fiona, passata la domenica da tempesta tropicale a uragano di categoria 1, dovrebbe rafforzarsi e diventare "significativa entro 48 ore", prima di dirigersi a nord verso l'Oceano Atlantico. L'uragano aveva già causato gravi danni quando ha attraversato la Guadalupa venerdì sera. In alcuni punti l'acqua è salita di oltre 1,50 metri. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato ieri lo stato di emergenza per Porto Rico, autorizzando la Federal Emergency Management Agency a fornire assistenza. L'NHC ha inoltre dichiarato che si prevedono condizioni di tempesta tropicale nelle isole Turks e Caicos e nelle Bahamas sudorientali entro la tarda mattinata di oggi o domani.