Arriva Palazzo Lana NFT, Guido Berlucchi incontra l’arte digitale

(Adnkronos) - L’azienda franciacortina Guido Berlucchi compie un passo verso l’innovazione sbarcando nel mondo dell’arte digitale NFT. Firmata dal celebre Street Artist Teo KayKay, la nuova edizione limitata Berlucchi Palazzo Lana NFT unisce il mondo dell’arte digitale a quello fisico ed esperienziale in un’esclusiva collezione di 10 opere NFT in stile “cartoon”. Acquistando l’NFT della bottiglia infatti non si otterrà solamente l’immagine digitale ma si avrà diritto a ritirare direttamente in cantina una delle 10 opere fisiche dipinte a mano dall’artista stesso e a vivere un’esperienza presso lo storico Palazzo Lana Berlucchi in Franciacorta.

Le opere digitali rappresentano una bottiglia blu Berlucchi con cuori e diamanti dorati, intervallati da tratti di colore che richiamano gli schizzi di vernice, un chiaro rimando allo stile street che caratterizza tutte le opere dell’artista. Il collezionista che si aggiudicherà l’opera digitale otterrà anche la versione fisica della bottiglia che potrà scegliere di conservare all’interno delle cantine storiche dell’azienda o di ritirare (esclusivamente di persona).

Come ogni opera d’arte da collezione, ogni bottiglia è corredata da un certificato di autenticità cartaceo firmato a mano dall’artista. La parte tangibile dell’opera si potrà ottenere solo attraverso l’acquisto dell’NFT che darà diritto alla proprietà della bottiglia fisica conservata in cantina fino al momento del ritiro.

Teo KayKay, diventato ormai un punto di riferimento per l’arte e il vino, è il primo street artist italiano ad essersi specializzato nella customizzazione di bottiglie pregiate con lo stile della street art. Il primo ad aver unito il mondo del vino agli NFT e a certificare ogni sua opera su tecnologia blockchain.

“La voglia di innovare e aprirsi a realtà inesplorate costituisce le radici stesse della nostra azienda. - racconta Arturo Ziliani CEO della Guido Berlucchi - Con questo nuovo progetto portiamo avanti lo stesso spirito visionario che spinse mio padre, Franco Ziliani, insieme a Guido Berlucchi a creare il primo metodo classico in Franciacorta nel 1961. Abbracciamo l’estro e l’intuizione creativa di Teo KayKay sicuri che queste opere segneranno un nuovo primato per la nostra azienda portandoci verso nuove frontiere e aprendo la strada del Franciacorta nel mondo dell’arte digitale.” Adnkronos - Vendemmie