Arrivano in Italia le reliquie di santa Bernadette

webinfo@adnkronos.com
Sarà Alessandria ad ospitare da domani al 30 aprile le reliquie di Santa Bernadette Soubirous a cui l’11 febbraio 1858, a Lourdes, apparve per la prima volta la Madonna. Bernadette aveva allora 14 anni. Divenuta suora, morì a 35 anni, nel 1925 fu beatificata e canonizzata l’8 dicembre 1933 da Papa Pio XI. L’urna con le reliquie della Santa, dopo l’arrivo domani all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio, sarà trasferita ad Alessandria, prima tappa di un percorso che toccherà altre 33 diocesi per concludersi il 22 agosto prossimo. Ad Alessandria le reliquie saranno accolte nel santuario delle suore Immacolatine dove da giovedì potranno essere venerate dai fedeli. Nel santuario giovedì ci saranno le lodi, seguite dall’adorazione eucaristica, la recita del Regina Coeli e rosario. Sabato dopo la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Alessandria, monsignor Guido Gallese, ci sarà la veglia, domenica la messa con i malati e gli anziani e lunedì la processione dalla cattedrale al santuario. Dopo Alessandria il trasferimento a Modena. In Piemonte ritornerà dall’8 all’11 maggio a Vercelli, dal 24 al 27 luglio a Torino e dal 27 al 30 luglio ad Asti.

Sarà Alessandria ad ospitare da domani al 30 aprile le reliquie di Santa Bernadette Soubirous a cui l’11 febbraio 1858, a Lourdes, apparve per la prima volta la Madonna. Bernadette aveva allora 14 anni. Divenuta suora, morì a 35 anni, nel 1925 fu beatificata e canonizzata l’8 dicembre 1933 da Papa Pio XI. 

L’urna con le reliquie della Santa, dopo l’arrivo domani all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio, sarà trasferita ad Alessandria, prima tappa di un percorso che toccherà altre 33 diocesi per concludersi il 22 agosto prossimo. Ad Alessandria le reliquie saranno accolte nel santuario delle suore Immacolatine dove da giovedì potranno essere venerate dai fedeli. 

Nel santuario giovedì ci saranno le lodi, seguite dall’adorazione eucaristica, la recita del Regina Coeli e rosario. Sabato dopo la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Alessandria, monsignor Guido Gallese, ci sarà la veglia, domenica la messa con i malati e gli anziani e lunedì la processione dalla cattedrale al santuario. Dopo Alessandria il trasferimento a Modena. In Piemonte ritornerà dall’8 all’11 maggio a Vercelli, dal 24 al 27 luglio a Torino e dal 27 al 30 luglio ad Asti.