In arrivo 21 milioni di euro per l'agroalimentare dell'Emilia-Romagna

Red-Mpd

Bologna, 8 gen. (askanews) - Sono in arrivo 21 milioni di euro per l'agroalimentare dell'Emilia-Romagna. Si tratta di fondi statali, inseriti nel decreto legge Milleproroghe approvato a Roma di recente - e che dovrà essere convertito entro i prossimi 60 giorni -, come rimborso di un credito vantato dalla Regione verso lo Stato. Parte dei fondi, per circa 17,3 milioni di euro, saranno impiegati subito da Viale Aldo Moro per sostenere 8 progetti del settore lattiero-caseario che interessano aziende di Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza produttrici di formaggi stagionati, in particolare Parmigiano Reggiano e Grana Padano, oltre alla filiera Gran Latte che ha come obiettivo il miglioramento del benessere animale e delle tecniche di produzione del latte alimentare e latticini freschi. Con questi nuovi progetti, che erano rimasti fino ad ora esclusi dai finanziamenti del cosiddetto 'bando filiere' per l'esaurimento dei fondi a disposizione, salgono così a 19, per 55,4 milioni di euro di contributi complessivi, quelli riconosciuti alla filiera latte che godranno del sostegno del Piano di sviluppo rurale.

Le nuove risorse innescheranno investimenti pari a 49,5 milioni di euro, che arrivano a oltre 148 milioni se si considerano tutti i 19 progetti finanziati per 307 aziende agricole e 49 imprese di trasformazione e commercializzazione coinvolte. Il credito vantato dalla Regione deriva da mancate erogazioni da parte dello Stato di somme anticipate, negli anni scorsi, dalla Regione stessa a imprese agricole colpite da calamità naturali dopo la concessione di contributi per l'abbattimento degli interessi su prestiti e mutui.