In arrivo 4 giorni di piogge e temporali

Paolo Manzo / NurPhoto / NurPhoto via AFP

AGI - Sono attesi 4 giorni di maltempo e instabilità diffusa con frequenti acquazzoni, prima concentrati soprattutto al centronord poi in estensione anche al sud. Previsti anche venti sulle isole maggiori per l'arrivo di un vortice dall'Algeria. E dal Nord Africa arriverà anche sabbia del deserto e aria calda che, scontrandosi con aria fresca di origine polare marittima in discesa dall'Olanda, provocherà piogge diffuse su gran parte dello Stivale.

Secondo il sito 'iLMeteo.it', in particolare le prossime ore vedranno un peggioramento dalla Sardegna verso il nord-ovest e il centro Italia. Domani poi le precipitazioni più intense si fermeranno su Emilia Romagna, basso Piemonte e centro e si sposteranno verso le regioni meridionali: vento forte soprattutto tra Sicilia e Calabria.

Il weekend della festa della Mamma vedrà un miglioramento al nord salvo piogge residue sabato sull'Emilia Romagna, mentre al centrosud ci sarà ancora una spiccata instabilità con frequenti acquazzoni. Qualche focolaio temporalesco potrebbe restare attivo fino a martedì, seguito pero' dall'espansione di un'ampia alta pressione associata ad aria calda nord africana con i primi 30 C afosi.

Nel dettaglio:

Giovedì 5. Al nord: diffusa instabilità su tutte le regioni con piogge via via più diffuse. Al centro: maltempo con piogge più diffuse. Al sud: soleggiato.

Venerdì 6. Al nord: maltempo con piogge e rovesci, localmente persistenti in Emilia Romagna. Al centro: maltempo con piogge diffuse. Al sud: molto instabile con piogge possibili ovunque.

Sabato 7. Al nord: tempo instabile. Al centro: instabile con acquazzoni sparsi. Al sud: instabile con rovesci diffusi.

Domenica 8: Qualche schiarita per la festa della Mamma, ma con temporali sparsi, ancora qualche rovescio pomeridiano fino a martedì poi una fase 'simil-estivà con i primi 30 C all'ombra.

Coldiretti: "La pioggia salverà le semine"

L'arrivo della pioggia nelle campagne salva le semine primaverili di riso, girasole, mais e soia necessari all'alimentazione degli animali, ma a beneficiarne sono anche le coltivazioni di grano seminate in autunno, ortaggi e frutta che hanno bisogno di acqua per crescere e assicurare la produzione di cibo 'Made in Italy' per le tavole degli italiani in un momento peraltro difficile a causa della guerra e dei rincari.

La pioggia è "una manna dal cielo" dopo un inizio 2022 con precipitazioni praticamente dimezzate ma - commenta Coldiretti - per combattere la siccità ed essere di sollievo alle campagne deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente provocano danni poichè i terreni non riescono ad assorbire l'acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento provocando frane e smottamenti.

Una "condizione indispensabile per salvare le coltivazioni nazionali a partire da quelle delle grandi pianure del Nord dove in alcuni territori è scattata l'emergenza idrica. Il fiume Po fa registrare un livello idrometrico di -3,36 metri al ponte della Becca, ma pesanti anomalie si vedono anche in alcuni dei grandi laghi che hanno percentuali di riempimento che vanno dal 25% di quello di Como al 36% del Maggiore".

La siccità, secondo Coldiretti, "è diventata la calamità più rilevante per l'agricoltura italiana con danni stimati in media in un miliardo di euro all'anno soprattutto per le quantità e la qualità dei raccolti".

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli