In arrivo il nuovo decreto

·3 minuto per la lettura
Super Green pass
Super Green pass

Dopo l’incontro con le Regioni, il Governo sta lavorando al nuovo decreto, che potrebbe arrivare entro la fine della settimana. Si parla di Super Green pass con restrizioni più dure per i non vaccinati e di obbligo vaccinale per alcune categorie.

Super Green pass e obbligo vaccinale: tutte le ipotesi sul nuovo decreto

Dopo l’incontro con le Regioni, il Governo sta lavorando al nuovo decreto, con provvedimenti importanti per i non vaccinati. Ci sarà una nuova certificazione verde solo per guariti e vaccinati e le persone che non effettueranno il vaccino non potranno entrare nei bar, ristoranti, nei cinema, nei teatri e negli stadi. Stanno valutando anche di estendere il certificato ai mezzi pubblici. Secondo le ultime ipotesi, potrebbe essere imposto anche l’obbligo vaccinale per le forze dell’ordine e per il personale scolastico. I tamponi resteranno validi per andare a lavorare, ma la loro durata sarà inferiore, scenderà da 72 a 48 ore per i molecolari e da 48 e 24 per gli antigenici. Sul tavolo c’è anche la possibilità di tornare alla mascherina obbligatoria all’aperto.

Il Super Green pass verrà rilasciato per le attività di svago, per frequentare cinema e teatri, bar e ristoranti, sale da concerto e discoteche, stadi e palazzetti dello sport. Con il tampone, però, si potrà continuare ad andare a lavorare. Le Regioni chiedono questi provvedimenti già in zona bianca e il governo sembra d’accordo, ma alcuni enti locali non sono d’accordo e vorrebbero le restrizioni a partire dalla zona gialla. La Stampa ha spiegato che ci sono alcuni problemi, soprattutto per quanto riguarda gli ospedali, che hanno anche poco personale. Un altro problema è che i luoghi di svago chiuderebbero per i non vaccinati, ma il virus circola anche tra i vaccinati.

Super Green pass e obbligo vaccinale: le categorie obbligate a vaccinarsi

Il Governo sta pensando all’obbligo vaccinale per alcune categorie di lavoratori. Renato Brunetta, ministro della Funzione Pubblica, ha proposto l’obbligo per le forze dell’ordine e per i dipendenti pubblici che lavorano negli sportelli a contatto con il pubblico. La Repubblica ha spiegato che c’è un motivo in più per obbligare le forze di polizia a vaccinarsi. Il Viminale vuole affidare un piano straordinario di controlli da far scattare prima delle feste, con lo scopo di verificare il rispetto delle regole. Se l’obbligo non dovesse essere rispettato si rischierebbe la paralisi per l’ordine pubblico. Si parla anche dell’obbligo per il personale scolastico. La validità del Green pass verrà fissata a 6 o 9 mesi, invece di 12 mesi.

Super Green pass e obbligo vaccinale: i tamponi

Il Governo sta valutando anche la questione tamponi. Se si passerà al Super Green pass i test rimarranno fondamentali per i lavoratori. L’ipotesi è quella di diminuire la durata a 48 ore per i molecolari e a 24 ore per gli antigenici. “Sappiamo che il test antigenico è meno attendibile di quello molecolare: il 60-65% dell’attendibilità contro il 99%. Significa che un terzo degli infetti non viene intercettato. I dati li conosciamo bene” ha spiegato Sergio Abrignani, immunologo e membro del Cts al Corriere della Sera. “Siamo ai livelli della varicella, un positivo è in grado di contagiarne 8-9. Con il virus originario di Wuhan un positivo ne infettava al massimo 2, con la Delta 6-7, la nuova variante ha un indice di contagiosità maggiore del 15-20%. È per questo che non possiamo più permetterci il rischio dei falsi negativi dati dai tamponi antigenici” ha dichiarato Walter Ricciardi, consulente di Speranza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli