In arrivo una nuova ondata di caldo africano

·2 minuto per la lettura

AGI - Dopo i violenti temporali che hanno attraversato il Nord nella giornata di domenica, l'anticiclone africano torna a conquistare l'Italia con una nuova ondata di calore che questa volta interesserà tutte le regioni. Il team del sito www.iLMeteo.it informa che questa settimana farà sempre più caldo e le temperature massime cominceranno a salire gradualmente, ma costantemente, fino a toccare il picco tra mercoledì 7 e venerdì 9 luglio.

Se fino a martedì i valori massimi non supereranno i 33-34 C al Centro-Nord e i 36 C al Sud (eccetto in Sicilia che registrerà 38 C su alcune zone), da mercoledì e poi giovedì e venerdì in città come Bologna, Firenze, Roma, Terni, Perugia, Chieti, Campobasso, Macerata si potranno toccare punte di 36-38 C, in Puglia spiccheranno invece i 41-42 C di Matera e Foggia. Ma farà caldo anche sul resto delle città, come a Milano, Padova, Modena, Prato, Viterbo (35 C). Il tempo sarà prevalentemente soleggiato e soltanto sulle Alpi più occidentali potranno svilupparsi dei temporali pomeridiani.

Mercoledì allerta "livello 2" in 10 città 

Secondo quanto emerge dal bollettino quotidiano delle ondate di calore curato dal ministero della Salute è prevista "allerta 2" (arancione) per martdì 8 luglio, a Campobasso, Frosinone e Perugia e per mercoledì 7 luglio a Bologna, Bolzano, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti e Roma.

Il "livello 2" indica "condizioni meteo che possono rappresentare un rischio per la salute, in particolare nei sottogruppi di popolazione più suscettibili".
In rialzo anche la colonnina di mercurio: le temperature percepite domani faranno registrare picchi di 37 a Bologna, 36 a Frosinone e Latina, 35 a Firenze, Palermo e Roma; dopodomani picchi di 38 a Bologna e Latina, 37 a Firenze e Frosinone, 36 a Palermo, Perugia e Roma, 35 a Rieti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli