**Arte: addio al restauratore della Cappella Sistina, è morto Gianluigi Colalucci**

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 mar. – (Adnkronos) – E' stato il protagonista del "restauro del secolo", stando a contatto per quasi 15 anni con gli affreschi di Michelangelo della Cappella Sistina, che ha eseguito personalmente dal 1980 al 1994, rimuovendo uno strato di sporco secolare costituito dal fumo delle candele di sego, cera e fuliggine: il restauratore Gianluigi Colalucci è morto a Roma all'età di 92 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dai Musei Vaticani su Instagram: "È deceduto questa notte il maestro Gianluigi Colalucci. Fu lui che diresse i lavori di restauro degli affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina, da molti considerato il restauro del secolo. È grazie al suo coraggio e al suo talento se oggi i colori della Volta e del Giudizio Universale di Michelangelo appaiono in tutto il loro folgorante splendore".

Nato nel 1929 a Roma da una famiglia di avvocati, Colalucci si era diplomato all'Istituto centrale per il restauro di Roma, sotto la direzione di Cesare Brandi. Iniziò la sua attività professionale nel Laboratorio di Restauro della Galleria Nazionale di Sicilia, conservando una grande quantità di opere d'arte, e lavorando in seguito a Creta e a Padova. Nel 1960 entrò nel Laboratorio di restauro delle Pitture dei Musei Vaticani e nel 1979 ne divenne capo restauratore.

La carriera di Colalucci ebbe una svolta importante quando poco dopo, nel 1980, fu nominato capo del restauro della Cappella Sistina. L'impomente intervento venne terminato nel 1994 e si svolse in gran parte sotto le telecamere della Nippon Television Network Corporation che aveva provveduto a dare la maggior parte dei fondi per il cantiere (4,2 milioni di dollari) in cambio dei diritti cinematografici. Il lungo e complesso restauro permise di riattaccare le parti di pigmento distaccate e il lavaggio con solventi e acqua distillata della pittura oscurata di far riemergere la brillantezza dei colori (a partire dal cielo a lapislazzuli).