**Arte: Alberto Giacometti, all'asta a Londra iconica statua del 1950** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Il grande poeta francese Yves Bonnefoy ha suggerito che "Homme qui chavire" potrebbe essere stato ispirato da un incidente vissuto dall'artista nel 1938, quando un'auto gli investì il piede destro, schiacciandolo e facendolo cadere rovinosamente a terra. Eppure, interpretando questa azione con un'eleganza calligrafica, Giacometti ha trasceso ogni evento esatto per creare una figura che, con la testa gettata all'indietro e le braccia che si avvolgono in un arco espansivo, abita una forma universale di esperienza umana e mostra come siamo tutte vittime del caso.

"Homme qui chavire" che andrà all'asta ha fatto parte della collezione dell'artista americana Lillian Florsheim (1896-1988). L'opera è stata venduta dalla sua famiglia nel 1998, dove fu acquistata dall'attuale proprietario che ora ha deciso di mettere in asta la scultura.