Arte: Cecchi, ritrovamento cupoletta Brunelleschi e' importante

Firenze, 14 dic. - (Adnkronos) - ''Siamo di fronte ad un ritrovamento importante, in considerazione anche del fatto che la tecnica costruttiva usata dal Brunelleschi per la cupola del Duomo si esaurisce con lui ed e' circoscritta a Firenze. Fuor di Firenze, troviamo solo due o tre esempi di impiego di questa tecnica e sono piu' tardi del Cinquecento''. Lo ha detto il sottosegretario ai Beni culturali Roberto Cecchi a proposito dell'ipotesi annunciata da Francesco Gurrieri, professore ordinario di restauro dei monumenti dell'Universita' degli Studi di Firenze, della scoperta della 'sorella minore' della Cupola del Duomo di Firenze.

Nell'area dell'ex Teatro degli Intrepidi, dove sara' realizzata la Sala dell'Antica facciata del nuovo Museo dell'Opera del Duomo, che accogliera' la Porta del Paradiso del Ghiberti, e' stata rinvenuta durante gli scavi, a circa circa 70 cm sotto l'attuale piano di calpestio, un manufatto di grande interesse archeologico e storico realizzato con la tecnica a ''spina-pesce'', del diametro di circa 3 metri.

Secondo il professore Francesco Gurrieri ''si tratterebbe di una cupoletta, mutilata in sommita', forse tagliata nel Settecento, in occasione della realizzazione del teatro''. Immediato il richiamo alla tecnica da sempre ricondotta al grande Filippo Brunelleschi; tecnica che gli consenti' di realizzare l'enorme cupola senza un'armatura lignea. Ha aggiunto Gurrieri: ''Al momento non e' azzardabile che questa cupoletta possa essere stata il 'modello' dimostrativo dell'impresa (di cui, per la verita', abbiamo tradizione che fosse stata altrove), tuttavia si pone come testimonianza primaria di un pensiero tecnico e di una prova pratica che non puo' che essere ricondotta a Filippo Brunelleschi e al suo esordio nel cantiere di Santa Maria del Fiore''. (segue)

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno