Arte: collezione Mattioli al Museo del Novecento nella primavera 2022

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 19 set. (Adnkronos) – Le opere della Collezione Gianni Mattioli cedute al Museo del Novecento arriveranno nella sede espositiva di Milano nella primavera del 2022, dopo una mostra itinerante in Russia. Lo fa sapere il Comune di Milano. La collezione, dichiarata dalla Soprintendenza “complesso di eccezionale interesse artistico e storico”, è vincolata e indivisibile: la giunta ha accettato la proposta di comodato gratuito per 5 anni (rinnovabili) da parte dell’unico proprietario Giacomo Rossi, nipote di Gianni Mattioli.

La collezione è la collezione privata di arte futurista e metafisica più importante al mondo, in grado di competere con le relative sezioni di prestigiosi musei internazionali. Si tratta di un nucleo di 26 capolavori di Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Carlo Carrà, Gino Severini, Giorgio Morandi, Mario Sironi, Amedeo Modigliani, solo per citare i nomi più influenti, con un valore assicurativo di circa 143 milioni di euro.

Tra i capolavori “Materia”, forse il più ambizioso quadro dipinto da Boccioni nel 1912, che raccoglie in un manifesto pittorico la sua espressione più innovativa; “Bottiglie e fruttiera (natura morta)” del 1916, uno dei più celebri capolavori di Morandi; “Composizione con elica” del 1919 di Mario Sironi, collage che rappresenta il momento di passaggio dell’artista dal futurismo alla metafisica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli