Arte: 'guerriero' di Basquiat sbanca aste asiatiche, venduto a quasi 42 mln dollari

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Hong Kong, 23 mar. – (Adnkronos) – "Il guerriero" di Jean-Michel Basquiat (1960-1988), uno dei quadri simbolo del pioniere del graffitismo americano, è diventato l'opera d'arte occidentale più costosa mai offerta in un'asta in Asia e ha scatenato una gara al rialzo tra collezionisti tra Hong Kong e New York. "Warrior", monumentale lavoro (183 x 122 cm) realizzato nel 1982, è stato aggiudicato oggi da Christie's ad Hong Kong per 323.600.000 dollari di Hong Kong, pari a 35.077.853 di euro e a 41.857.351 dollari statunitensi. Era stimato intorno a 30 milioni di dollari.

"Warrior" è un capolavoro che rappresenta l'apice della produzione creativa di Basquiat e per potenza evocativa si colloca accanto "La Hara" e "Irony of Negro Policeman", in cui il giovane artista esprimeva tutta la sua rabbia, la sua violenza nei confronti della società, un atto di accusa in difesa della popolazione di colore.

Dipinto all'apice della sua breve carriera con colori acrilici, ad olio e vernice spray su un pannello di legno, "Il guerriero" di Jean-Michel Basquiat è un ritratto imponente che dimostra "ampiamente perché l'artista – sottolinea un comunicato di Christie's – sia considerato uno dei pittori più importanti dell'ultimo mezzo secolo".