Arte: il 'pavimento' della Cattedrale di Siena straordinariamento visibile

Siena, 2 ago. (Adnkronos) - Nella cattedrale di Siena, a partire dal prossimo 18 agosto, subito dopo il Palio dell'Assunta, fino al 24 ottobre, viene ''scoperto'' il pavimento a commessi marmorei, ''il piu' bello…, grande e magnifico… che mai fusse stato fatto'', secondo la nota definizione di Giorgio Vasari. Abitualmente infatti, il prezioso tappeto marmoreo e' coperto da lastre di faesite per proteggerlo dal calpestio dei visitatori, piu' di un milione ogni anno, e dei numerosi fedeli che ogni giorno accedono al sacro tempio per la preghiera. Grazie alla scopertura sara' ora possibile ammirare anche le tarsie nell'esagono sotto la cupola, lo spazio vicino all'altare, i riquadri del transetto per uno spettacolo unico, in cui i visitatori vengono guidati all'interno di un percorso che permettera' anche la visita straordinaria intorno all'abside, con la visione delle tarsie lignee di Fra Giovanni da Verona e gli affreschi di Domenico Beccafumi. Il pavimento del Duomo e' frutto di un complesso programma che si e' realizzato attraverso i secoli, a partire dal Trecento fino all'Ottocento. I cartoni preparatori per le cinquantasei tarsie furono forniti da importanti artisti, quasi tutti ''senesi'', fra cui personaggi di spicco quali il Sassetta, Domenico di Bartolo, Matteo di Giovanni, Domenico Beccafumi, ma non mancano pittori di altra provenienza come ad esempio l'umbro Pinturicchio, autore, nel 1505, del celebre riquadro con il Monte della Sapienza, ove e' possibile ammirare l'eterno contrasto tra la Fortuna e la Virtu'.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno