Arte: la famiglia di Monet in giardino, capolavoro impressionista venduto per 24 mln dollari

·3 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 13 nov. – (Adnkronos) – Il capolavoro impressionista "Au jardin, la famille de l'artiste" del pittore francese Claude Monet (1840-1926), eseguito ad Argenteuil nel 1875, è stato venduto all'asta da Christie's a New York per 24.405.000 dollari (pari a circa 21.330.000 euro), il doppio della stima di partenza. Esposto pubblicamente solo una manciata di volte dalla sua creazione, il dipinto era stato visto l'ultima volta all'asta nel 1984 e da allora era rimasto nella stessa collezione privata, che ora l'ha venduto ad un acquirente che ha chiesto l'anonimato.

Riempito con il caldo bagliore del sole estivo e le tonalità vibranti dei fiori in piena fioritura, "Au Jardin, la famille de l'artiste" è un ritratto romantico della famiglia di Monet, intravista in un momento privato mentre si gode l'atmosfera calma e tranquilla del suo giardino. Al momento della creazione dell'opera, Monet viveva ad Argenteuil, un vivace sobborgo di Parigi, situato sulla riva destra della Senna a soli undici chilometri a ovest della capitale. Come molti dei dipinti dell'artista del 1875, "Au Jardin, la famille de l'artiste" evita qualsiasi dettaglio che suggerisca il carattere in rapido cambiamento della città in questo periodo. La composizione limita la sua vista, concentrandosi sulla lussureggiante abbondanza dello spazio intimo del giardino di Monet, permettendo all'artista di ritrarre Argenteuil puramente come un luogo di comfort, svago e pace.

La scena idilliaca di "Au Jardin, la famille de l'artiste" cattura il senso dei ritmi pacifici che hanno segnato le giornate di Monet in quel periodo. La moglie dell'artista, Camille, e il figlio maggiore Jean, sono raffigurati insieme a un'altra figura femminile mentre si godono un piacevole pomeriggio nei giardini splendenti e ben curati della loro seconda casa in città. Le figure quasi scompaiono in mezzo al fogliame che le circonda, dall'alto, torreggiante schermo di alberi che segnano il bordo del giardino, alle lussureggianti fioriture di rose, gerani e gladioli che riempiono le aiuole accuratamente coltivate. Attraverso la più breve delle pennellate, Monet cattura le caratteristiche essenziali di ciascuna delle diverse specie di fiori che popolano il giardino, rivelando il suo interesse per l'orticoltura e il giardinaggio, che avrebbe raggiunto il suo apogeo nei suoi famosi giardini di Giverny.

"Au Jardin, la famille de l'artiste" ha fatto parte di numerose e prestigiose collezioni impressioniste fin dall'anno in cui fu dipinto. Il quadro fu acquistato direttamente dall'artista poco dopo il suo completamento nel 1875 dal famoso baritono francese Jean-Baptiste Faure, che fu un avido collezionista delle prime opere del grande pittore impressionista, comprando oltre cinquanta composizioni dell'artista. "Au Jardin, la famille de l'artiste" rimase nella collezione di Faure per oltre tre decenni, prima di essere venduto a Durand-Ruel nel 1907, che prestò il dipinto a una serie di importanti mostre iniziali di arte impressionista in Germania durante il primo decennio del XX secolo. Il dipinto fu poi acquistato da Durand-Ruel dal ricco banchiere e industriale, il barone Mór Lipót Herzog nel 1911. Herzog era un collezionista vorace, con interessi che abbracciavano tutte le epoche della storia dell'arte; la sua enorme collezione comprendeva oggetti d'arte gotici, dipinti del primo Rinascimento e dell'età dell'oro olandese, così come un ricco raggruppamento di opere di Monet, Renoir, Manet, Cézanne e Gauguin, appeso nel palazzo di famiglia a Budapest. "Au jardin, la famille de l'artiste" fu successivamente acquistato dai preminenti collezionisti tedeschi Kurt e Harriet Hirschland nel 1928, e fu tra le opere d'arte portate dalla famiglia a New York quando furono costretti a fuggire dall'Europa alla fine degli anni Trenta. Il dipinto rimase nella collezione Hirschland fino alla metà degli anni '60, quando passò in possesso di David Bakalar di Boston, con il quale rimase per altri due decenni prima di essere messo all'asta nel 1984, dove fu acquistato dal proprietario che infine lo ha messo di nuovo in vendita incassando oltre 24 milioni di dollari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli