Arte, performance e musica al novembre del MAXXI

@letizia d'amato srl

Una settimana ricca di appuntamenti al MAXXI di Roma. Mercoledì 2 novembre alle 18.30 si parla di Paul Klee, con l'artista visivo e giornalista Gregorio Botta, con Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI e con lo psichiatra e psicoanalista Vittorio Lingiardi. C'è chi lo chiamava il Mago del Bauhaus, chi Buddha o addirittura il Buon Dio. Paul Klee ha dipinto diecimila opere, sperimentando, creando nuove tecniche, usando linguaggi diversi, reinventandosi sempre e sfuggendo alle definizioni. Leggerlo attraverso i suoi scritti privati, come farà Gregorio Botta, è una esperienza inedita e diversa.

Mercoledì 2 e giovedì 3 novembre, alle ore 20 nell’ambito del Romaeuropa Festival, appuntamento con Riding on a cloud, una performance di Rabih Mroué, a metà strada tra spettacolo e conferenza. Protagonista è il fratello di Mroué, Yasser che, ferito a 23 anni da uno sparo durante la guerra civile libanese, ha perso l’uso della parola. A partire dalla sua condizione, il regista avvia una meditazione tra memoria, finzione e realtà politica dando vita ad un ritratto dell’attuale situazione in Libano e descrivendo la fragilità di ogni narrazione biografica sospesa tra ricordi, documenti e finzione. Il 2 novembre inoltre, alle ore 19, la performance sarà preceduta dal talk introduttivo con la partecipazione di Rabih Mroué, Fabrizio Grifasi e Hou Hanru.

Novembre al MAXXI: Ecosystem Sound e Rita Marcotulli

Sabato 5 novembre alle 18, il suono invade lo spazio del MAXXI con un nuovo appuntamento di Ecosystem Sound. Tre concerti speciali ideati da Silvia Cappellini Sinopoli con grandi nomi della musica contemporanea, jazz ed elettronica, in occasione della mostra What a Wondefrul World, l’allestimento tecnologico, sperimentale e interattivo della Collezione Arte del MAXXI a cura di Bartolomeo Pietromarchi e del team curatoriale del MAXXI (fino al 12 marzo 2023). Protagonista sarà questa volta Rita Marcotulli. Il suo Piano solo non è solamente un concerto, ma un progetto musicale in grado di raccontare storie attraverso le note. Un viaggio immaginario che prende ispirazione dalla vita di tutti i giorni, dalla natura dalle esperienze, dalla musica dei diversi colori del mondo.

Rita Marcotulli, pianista e compositrice tra le più affermate e apprezzate a livello internazionale, presenta un omaggio al cinema e ad autori popolari italiani. Composizioni originali, ma anche suggerite dalle emozioni del momento e da una buona parte di improvvisazione.


'Ossi di Seppia', esercizi di memoria su RaiPlay