Arte: quadro di Madrid attribuito a Caravaggio avrà 'massima protezione' da Stato spagnolo

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Madrid, 23 dic. – (Adnkronos) – "Massima protezione" per il quadro "Ecce Homo" attribuito a Caravaggio: il dipinto, venuto alla luce lo scorso aprile a Madrid alla vigilia di essere messo all'asta per 1.500 euro, è stato dichiarato "bene di interesse culturale". In base a un decreto emesso dalla Regione di Madrid, al termine di un procedimento avviato dal Ministero della Cultura spagnolo, il quadro "non è esportabile" e quindi dovrà definitivamente restare in Spagna. E nel caso in cui i proprietari (un'aristocratica famiglia madrilena) decidessero di venderlo, lo Stato avrà diritto di prelazione formulando un'eventuale offerta.

Era stato il Ministero della Cultura a bloccare all'ultimo momento la vendita presso la casa d'aste Ansorena che aveva presentato il dipinto in catalogo come "L'incoronazione di spine", un'opera che si supponeva della bottega di José de Ribera. Per mezzo di un'ordinanza ministeriale, il quadro fu espressamente dichiarato non esportabile come misura precauzionale, dato che le relazioni tecniche del Ministero della Cultura e del Museo del Prado lo avevano identificato come un esempio del primo naturalismo italiano attribuibile allo stesso Caravaggio.

Allo studio del probabile Caravaggio hanno collaborato anche il Museo del Prado e l'Accademia Reale di Belle Arti di San Fernando. Gli ultimi studi degli esperti, tra cui quelli della specialista del pittore italiano Maria Cristina Terzaghi, hanno rafforzano la tesi della paternità di Caravaggio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli