Arte: saggisti e storici si interrogano sul quadro Michael's Gate a Roma

webinfo@adnkronos.com

Saggisti e storici si interrogano sul quadro Michael’s Gate dell’artista contemporaneo Hypnos. Dipinto astratto, misterioso, legato all’inconscio collettivo. Un unicum, concepito a ridosso dell’11 settembre, che evoca il sangue dell’umanità, il colore rosso, di Satana, dell’amore e dell’odio, della vita e della morte. Un titolo e un autore che non aiutano a sciogliere l’enigma.  

Nel parleranno il 30 novembre al Macro Asilo di Roma, mentre il dipinto ha già raggiunto quotazioni vertiginose (10 milioni di euro), considerato in grado di conferire 'poteri metapsichici', il saggista Sergio Bellucci e gli storici dell’Arte, Ada Lombardi e Dalmazio Frau che indagheranno i significati simbolici dell'arte contemporanea aniconica, ovvero priva di immagine figurativa nella magia e nell’occultismo e nella psicologia.  

A promuovere l'iniziativa è la Galleria Sallustiana di Roma in collaborazione con l'accademia 'La sponda' di Benito Corradini, sotto l’egida e con il patrocinio di Macro Asilo.