Arthur D Little, nel 2021 +30% di fatturato rispetto al 2020

·2 minuto per la lettura
featured 1553974
featured 1553974

Milano, 21 dic. (askanews) – Per Arthur D Little il 2021 si chiude con un 30 per cento di volume di fatturato in più rispetto all’anno precedente. Una crescita dovuta in parte a un 2020 flat, a causa della pandemia, ma soprattutto grazie a un riposizionamento rispetto alle sfide poste dall’emergenza sanitaria anche al mondo della consulenza aziendale. Ai servizi tradizionali se ne sono aggiunti altri e nuove strade sono state percorse, come ha spiegato Saverio Caldani, Managing Partner Italia e Spagna di Arthur D Little: “In termini di servizi, si sono affiancate ai normali servizi della consulenza che avevamo in precedenza delle attività che hanno portato i clienti a ragionare su nuovi modelli di business, nuove forme di ricavi, nuove attività più collegate all’innovazione, sia di mercato che di processo, che portavano a coprire il gap perso nel corso della pandemia”.

Crescono in questo senso le richieste delle aziende per una consulenza in ambito di sostenibilità e su come gestire i fondi del Pnrr. Tra i servizi richiesti ci sono poi le “operazioni straordinarie” per aziende di piccole, medie e grandi dimensioni per implementare il business dopo le sofferenze patite per la pandemia. Ma anche spazio alle consulenze su come riorganizzare il lavoro e gli spazi all’interno delle aziende. Con la pandemia è cambiato infatti il modo di lavorare, anche nel mondo di Arthrur d Little.

“Nella nostra attività purtroppo lo smartworking a mio avviso – ha sottolineato – è estremamente pericoloso da usare massivamente, perché la crescita dei ragazzi avviene con il contatto. Perdendo questo tipo di formazione rischiano di avere una crescita rallentata. Questo credo sia un tema che ci dovrà far riflettere oggi e nei prossimi anni”.

Da 135 anni l’innovazione, non solo quella della tecnologia, è nel dna di Arthur D Little. “Quando si parla di innovazione si pensa solo alla tecnologia: l’innovazione non è e non può essere solo la tecnologia ma è in tutti i mondi della nostra vita giornaliera”, ha spiegato Caldani.

Va in direzione dell’innovazione anche la scelta di un nuovo logo, nel quale è stato aggiunto un significato alla D di “Arthur D Little”: “D come differenza: differenza nella modalità di approcciare i clienti, differenza nella modalità di stare vicino ai clienti e differenza nel cercare di intercettare le nuove richeiste del mercato. E non ultimo, differenza nell’approcciare la consulenza con uno sguardo sulla sostenibilità e sulle differenze interne. Al netto di utilizzo di brandizzazioni sulla differenza e sull’inclusione da noi molto spesso queste attività hanno un significato effettivo nella vita di tutti i giorni. Quella D vuol dire un po’ tutte queste cose”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli