Artico, 200 renne morte di fame a seguito dei cambiamenti climatici -2-

Coa

Roma, 29 lug. (askanews) - Il capo del progetto del censimento, Ashild Onvik Pedersen ha spiegato questo "altissimo tasso di mortalità" come una conseguenza del riscaldamento globale, due volte più veloce nell'Artico che nel resto del mondo, secondo i climatologi. "Il cambiamento climatico fa piovere molto di più. La pioggia cade sulla neve e forma uno strato di ghiaccio sulla tundra, il che significa che le condizioni di pascolo per gli animali sono pessime", ha detto ad Afp.(Segue)