Artissima 2020, i cinque premi della fiera torinese unplugged

Lme
·4 minuto per la lettura

Milano, 29 ott. (askanews) - La fiera d'arte contemporanea Artissima si propone per il 2020 in versione Unplugged. Una formula nuova, dilatata nei tempi e negli spazi, che riunisce esposizioni fisiche, realizzate con Fondazione Torino Musei, e progetti digitali: una versione acustica della fiera che focalizza la propria attenzione sullo strumento (le opere) e la voce (le gallerie). Artissima, inoltre, anche quest'anno organizza in collaborazione con sponsor e istituzioni cinque premi per artisti e gallerie, assegnati da giurie internazionali: il Premio illy Present Future, il Premio Carol Rama by Fondazione Sardi per l'Arte (new!), il Premio Tosetti Value per la fotografia (new!), il Premio FPT for Sustainable Art (new!) e il Premio Ettore e Ines Fico. Il Premio illy Present Future, realizzato in collaborazione con illycaffè, da vent'anni premia un artista della sezione Present Future, da sempre prezioso bacino per la scoperta di nuovi talenti. Quest'anno una giuria internazionale sarà chiamata a valutare le proposte della sezione, online sulla piattaforma Artissima XYZ, e assegnerà il Premio illy Present Future al progetto ritenuto più interessante. Dal 2012 il riconoscimento offre al vincitore l'eccezionale opportunità di una mostra al Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea. In occasione di Artissima verrà inaugurata la personale del vincitore dello scorso anno, aaajiao, a cura di Marianna Vecellio. Grazie alla visione contemporanea di illycaffè e all'attiva partnership con il Castello di Rivoli, il Premio illy Present Future offre un contributo importante all'affermazione degli artisti emergenti e conferma il ruolo attivo di Artissima nel sostegno dei talenti internazionali. Il Premio Sardi per l'Arte Back to the Future, nato nel 2014 dalla partnership con la Fondazione Sardi per l'Arte, istituzione privata torinese voluta da Pinuccia Sardi a sostegno dell'arte moderna e contemporanea, cambia forma e si rinnova trasformandosi nel Premio Carol Rama. La nuova veste del premio prende spunto dal sempre rinnovato interesse di Pinuccia Sardi per Carol Rama, confluito in anni recenti nell'importante sostegno al catalogo ragionato delle opere dell'artista, di prossima pubblicazione nel 2021, e nell'acquisto dei beni contenuti nella casa dell'artista. Tosetti Value - Il Family office conferma il proprio supporto ad Artissima e promuove un Premio per la fotografia nato dal desiderio di indagare la relazione tra arte ed economia e dilatare il campo prospettico sulla realtà. Il Premio Tosetti Value per la fotografia dialoga con "Prospettive. L'economia delle immagini", progetto sulla fotografia contemporanea iniziato nel 2014 e curato da Tosetti Value per l'Arte con l'obiettivo di alimentare dibattiti e riflessioni sul nostro mondo globalizzato attraverso un articolato programma di mostre e talk in sinergia con le ricerche macroeconomiche del Family office. Una giuria di esperti selezionerà l'artista il cui lavoro fotografico sarà ritenuto particolarmente interessante per comprendere la situazione storico-sociale ed economica del nostro mondo globalizzato. L'artista vincitore, oltre a un riconoscimento in denaro, avrà l'opportunità di essere protagonista di "Prospettive. L'economia delle immagini" con un progetto mostra da realizzarsi presso la sede di Tosetti Value a partire dal 2021, nell'ambito del quale il Family office acquisirà un'opera dell'artista per la propria Collezione corporate. FPT Industrial, azienda leader nel settore dei motori industriali, consolida il dialogo con Artissima diventando promotore del Premio FPT for Sustainable Art, punto di incontro tra sostenibilità, innovazione e arte. Nel 2019 partner di Artissima e Main Sponsor del Padiglione Italia alla Biennale Arte di Venezia, FPT Industrial con questo premio conferma il proprio impegno verso la sostenibilità, con l'obiettivo di selezionare, grazie al lavoro di una giuria internazionale, l'artista la cui ricerca e opere siano frutto di una filiera concettuale e di produzione virtuosa sostenibile. Un premio che indaga il processo creativo e ne mette in luce l'importanza, la centralità e l'impatto sulle dimensioni con cui l'artista viene a contatto nella propria ricerca. L'opera viene intesa come frutto di un processo creativo che incontra persone, materiali, vite e che deve scendere a patti con meccanismi organizzativi, logistici ed economici e la sostenibilità viene considerata come motore di trasformazione dei processi creativi e industriali. L'artista vincitore, oltre ad un riconoscimento in denaro, avrà l'occasione di attivare un dialogo con una realtà innovativa come FPT Industrial. Artissima e il Museo Ettore Fico, infine, rinnovano, per il decimo anno consecutivo, la collaborazione per il Premio Ettore e Ines Fico. Andrea Busto e la Direzione artistica del MEF selezioneranno un giovane artista tra quelli presentati da Artissima che, distintosi per la poetica della sua ricerca creativa, otterrà la possibilità di presentare una mostra personale negli spazi del MEF nel corso del 2021.