Arturo potrebbe essere stato ammazzato per depredare il nido della compagna, Principessa

·2 minuto per la lettura
Il cigno Arturo fotografato qualche giorno prima di essere ucciso
Il cigno Arturo fotografato qualche giorno prima di essere ucciso

Cigno ucciso a bastonate, taglia di 5000 euro per chi trova il responsabile della morte di Arturo, la mascotte di Laghi, il più piccolo paese del Veneto. Arturo era stato trovato morto qualche giorno fa sulla riva del canneto dove era solito fare la guardia alla covata della sua compagna, Principessa. Non è purtroppo il primo caso regionale. Il cadavere del maestoso uccello era stato rinvenuto sulla riva dei due laghetti che erano diventati un po’ il suo “regno”. A mettere una taglia sull’autore della barbara uccisione è stata l’Aidaa, vale a dire l’Associazione italiana difesa animali e ambiente.

Cigno ucciso a bastonate, la taglia dell’Aidaa

E si è voluto appositamente che in ballo ci fosse una ricompensa di assoluto rilievo perché c’è tutta l’intenzione di risalire sul serio all’autore del gesto criminale. La somma sarà destinata a “chiunque, con la sua testimonianza diretta davanti alle forze dell’ordine, permetterà l’identificazione e la condanna definitiva del responsabile di questa barbara uccisione”. Allo stato dell’arte ci sono ipotesi concrete ma non ancora suffragate da prove.

La cautela del vicesindaco di Laghi

Fra esse campeggia quella per cui ad uccidere Arturo possa essere stato un bracconiere con un bastone, intenzionato a sottrarre le uova della covata e a rivenderle, come si era già verificato anche l’anno scorso a Vicenza con l’uccisione di un maschio e la morte per inedia della femmina. Tuttavia Ferrulio Angelo Lorenzato, vice sindaco di Laghi, invita alla cautela: “Non avanzo alcuna ipotesi, ce ne sono già abbastanza, anche fuorvianti. Di cosa sia morto il cigno lo stabilirà solo l’autopsia, sapremo solo dal certificato”. Nei prossimi giorni è infatti attesto il referto veterinario con cui le cause della morte dell’uccello potranno essere chiarite meglio. Tuttavia l’impatto emotivo per la barbara uccisione di Arturo ormai fa il paio con un forte bisogno di far luce sulla sua morte.