Ascani(Pd): se D'Amico controllato da servizi Conte lo allontani

Tor

Roma, 18 lug. (askanews) - "Secondo quanto riferito dalla stampa, il collaboratore di Salvini a Palazzo Chigi, Claudio D'Amico, sarebbe seguito e monitorato da mesi dai nostri servizi segreti, insieme a Savoini. Una notizia gravissima. Come è possibile che un personaggio oggetto di attenzione dei servizi di sicurezza, nonché coinvolto in un'indagine della magistratura che indaga per corruzione internazionale a proposito dei fondi russi alla Lega, sia ancora dipendente della presidenza del Consiglio e abbia libero accesso a Palazzo Chigi e ai palazzi del governo? Il presidente del Consiglio Conte ha il dovere di chiederne le dimissioni o di disporne l'immediato allontanamento". Lo scrive su facebook la vicepresidente del Pd Anna Ascani.

"Conte si trova a condividere i suoi uffici - aggiunge Ascani - con una persona monitorata dai servizi di sicurezza, di cui peraltro lo stesso premier è responsabile. Una situazione di evidente e palese incompatibilità. La presidenza del Consiglio intervenga subito".