Asilo. Livorno e Reggio Calabria aderiscono a #dirittincomune -2-

Rus

Roma, 8 ago. (askanews) - L'appello #dirittincomune nasce con l'obiettivo di promuovere l'accesso ai diritti essenziali come il diritto all'istruzione, alla salute, alle prestazioni sociali, per i richiedenti asilo nelle nostre città, chiedendo ai Sindaci di impegnarsi a iscrivere coloro che ne facciano richiesta nei registri anagrafici, anche dopo l'entrata in vigore del primo decreto sicurezza (legge 132/18).

L'articolo 13 della legge, infatti, prevede delle nuove disposizioni che sono state oggetto di diverse interpretazioni, anche tra gli amministratori: alla prima lettura è prevalsa l'idea che ai richiedenti asilo fosse preclusa la possibilità di effettuare l'iscrizione all'anagrafe. I promotori dell'appello, basandosi sui pareri di giuristi autorevoli e sulle recenti ordinanze dei Tribunali di Firenze, Bologna e Genova, secondo i quali il diritto all'iscrizione anagrafica per i richiedenti asilo è tuttora vigente ed esigibile, chiedono alle amministrazioni di garantirlo, rendendo possibile ottenere il rilascio del certificato di residenza e della carta d'identità, nei fatti utile a beneficiare di servizi pubblici come l'asilo, la formazione professionale, l'accesso all'edilizia pubblica, la concessione di eventuali sussidi, o l'iscrizione a un centro per l'impiego.(Segue)