Aspi: Conte, 'negoziato durissimo, estromessa famiglia Benetton' (2)

·1 minuto per la lettura
Aspi: Conte, 'negoziato durissimo, estromessa famiglia Benetton' (2)
Aspi: Conte, 'negoziato durissimo, estromessa famiglia Benetton' (2)

(Adnkronos) – E ancora: "D) Disciplina dell’inadempimento – elenca ancora Conte – Hanno rinunciato alla clausola di assoluto privilegio che gli attribuiva il diritto di ottenere i mancati guadagni per tutta la durata della concessione (circa 23 miliardi) pur in caso di scioglimento del contratto per gravissimo inadempimento (come nel caso del crollo del Ponte Morandi); E) Nessun spazio a negligenza, incuria e manutenzione approssimativa. Anzi, maggiori investimenti in manutenzione e sicurezza. La sicurezza dei cittadini non è revocabile. Puntiamo ad un rafforzamento del sistema dei controlli e all'aumento delle sanzioni anche in caso di lievi violazioni. Nessuno resterà impunito";

Conte elenca altri risultati. "F) Tutela del lavoro. La partita su Aspi non poteva essere giocata sulla pelle di famiglie. L'intervento dello Stato tutela i posti di lavoro e in una prospettiva di lungo periodo offre anzi una visione occupazionale di ampia portata; G) Moderazione del sistema tariffario. Nostri i pedaggi, loro i profitti? Non più. Hanno accettato di riformulare il piano tariffario secondo le nuove indicazioni dell’autorità regolatoria (ART) e hanno accettato di riportare in equilibrio economico e giuridico la convenzione che appariva totalmente squilibrata a favore di Aspi, cosa questa che è all’origine delle difficoltà di questo negoziato;".

Prosegue il premier: "H) Hanno accettato di rinunciare e abbandonare tutte le cause contro il concedente. Tutto questo andrà tradotto nei prossimi giorni in un accordo chiaro e trasparente. Questa è l’unica strada che potrà impedire la revoca della concessione".