Assad: "Erdogan è un ladro, sta rubando la nostra terra"

webinfo@adnkronos.com

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha definito il presidente turco Recep Tayyip Erdogan un ''ladro''. Lo riporta la Sana, riferendo della prima visita di Assad nella provincia di Idlib dallo scoppio del conflitto nel marzo del 2011, dove ha incontrato i militari dell'esercito di Damasco schierati al fronte. ''Erdogan è un ladro. Ha rubato fattorie, grano e petrolio. E oggi sta rubando la nostra terra'', ha scritto la Sana. ''Tutte le zone della Siria hanno per noi la stessa importanza'', ha proseguito Assad facendo riferimento all'offensiva lanciata lo scorso 9 ottobre dalle forze armate turche nel nordest della Siria. 

L'esercito di Damasco controlla ora circa il 60 per cento della Siria. La provincia di Idlib, dove vivono circa tre milioni di persone tra cui circa la metà sono sfollati, rappresenta l'ultima roccaforte dei ribelli in Siria. E' controllata da Hayat Tahrir al-Sham, alleanza jihadista guidata dall'ex Fronte al-Nusra. Per il presidente siriano "la battaglia di Idlib è fondamentale per risolvere il caos e il terrorismo nelle altre zona della Siria''.