Assaltavano banche, arrestati rapinatori seguaci di Vallanzasca e Maniero

webinfo@adnkronos.com

Emuli di Renato Vallanzasca e Felice Maniero, che avevano conosciuto in carcere, tre italiani si erano specializzati in rapine a mano armata a banche, commesse soprattutto durante le giornate di pioggia. Ma l'ultimo tentato colpo non è andato a buon fine e i tre rapinatori sono stati arrestati dai carabinieri prima che assaltassero la filiale della Cassa di Risparmio di Lucca-Pisa-Livorno a Vicarello, frazione del comune di Collesalvetti (Li). L'operazione di servizio è stata denominata 'Big Brolly', proprio per la predilezione degli arrestati a perpetrare le rapine in tempo di pioggia.  

Lo scorso 22 novembre i carabinieri del nucleo investigativo di Livorno, con la collaborazione del nucleo investigativo del comando provinciale di Pisa, hanno arrestato i tre in flagranza per tentata rapina a mano armata. Era da tempo che gli investigatori avevano avviato un'attività d'indagine, coordinata dal procuratore livornese Ettore Squillace Greco, sul conto degli arrestati, pluripregiudicati con precedenti specifici per rapina ai danni di istituti di credito. 

In particolare, l'attenzione dei carabinieri era stata attratta, nei giorni precedenti, dalla ripetuta presenza dei tre nelle vicinanze della banca a Vicarello, rivelatisi poi veri e propri sopralluoghi, nonché dall'anomalo acquisto di calze da donna (l'atto dell'acquisto è stato filmato durante le indagini), che i tre avrebbero utilizzato per travisarsi il volto nel corso della progettata rapina. Avuto il fondato sospetto che i tre avrebbero colpito, i carabinieri sono entrati in azione.  

Nella mattinata di venerdì 22 novembre, i tre banditi, giunti all'esterno della Cassa di Risparmio di Lucca-Pisa-Livorno a Vicarello, notata la presenza di un'unità specializzata dell'Arma, la cosiddetta Sos (acronimo che sta per Squadra Operativa di Supporto), solo momentaneamente hanno desistito dai loro intenti. Dopo poco i tre hanno tentato nuovamente di portare a compimento la rapina ma ravvisando la persistente presenza dei carabinieri hanno poi rinunciato al loro progetto criminale. Il fastidio per la presenza dell'Arma è stato registrato dalle conversazioni intercettate immediatamente.  

Le investigazioni hanno confermato che i tre erano pronti a colpire, avendo già individuato i compiti di ciascuno nell'azione criminale, come è emerso sempre dalle intercettazioni ambientali. A questo punto, i carabinieri sono intervenuti bloccando i tre una volta entrati all'interno di un garage, nella periferia di Pisa, che fungeva da covo. Perquisiti, i banditi sono stati trovati in possesso di passamontagna, una maschera, calze di nylon, utilizzate per celere il volto, guanti in lattice, una riproduzione della pistola Glock calibro 8 e alcune targhe rubate.  

I tre sono stati arrestati e condotti in carcere a Pisa, con le accuse, in concorso, di tentata rapina a mano armata, ricettazione e detenzione senza denuncia di munizioni per armi comuni da sparo. Il pm di turno della procura di Pisa, Sisto Restuccia, ha chiesto la convalida degli arresti al gip che ha accolto la richiesta in base al materiale probatorio raccolto, disponendo la custodia cautelare in carcere. 

I tre rapinatori, due dei quali con alle spalle una lunga storia carceraria (67 anni di età di cui 45 trascorsi tra le mura di una prigione), proprio mentre si avvicinavano alla banca raccontavano delle loro amicizie criminali, facendo riferimento a periodi di detenzione trascorsi con Renatino Vallanzasca, conosciuto nel super carcere di Novara, e con Felice Maniero, il capo della mafia del Brenta.