Assalto al Congresso, proteste e violenze davanti a Trump Tower

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Dopo l'irruzione dei manifestanti pro Trump nel Congresso di Washington, negli Stati Uniti si registrano reazioni violente davanti a diversi edifici e proprietà collegati al presidente Usa. Come indicano i rapporti delle forze dell'ordine e le immagini postate sui social media, manifestazioni ed episodi violenti sono stati registrati tra l'altro a New York, Chicago e nella stessa capitale federale Usa.

La polizia di Washington ha riferito che sta indagando su un accoltellamento avvenuto nella serata di ieri davanti al Trump International Hotel, all'incrocio tra Pennsylvania Avenue NW e la 12 Strada 12 NW. A New York, oltre un centinaio di manifestanti si sono dati appuntamento nelle strade che circondano la Trump Tower sulla Quinta Avenue di Manhattan, dove la polizia aveva provveduto a circondare l'edificio. Gli agenti hanno fermato nove persone, di cui sette sono state diffidate prima di essere rilasciate. Gli altri due fermati sono stati accusati di reati di droga e danneggiamento.

Più pacifiche le protese a Chicago, dove alcuni manifestanti si sono radunati davanti al Trump International Hotel & Tower, intonando slogan contro il presidente, con cartelli che recitavano, "Trump ha perso! Via i fascisti!", o "Mettetelo in galera!".